Parchi Natura Arte 2018, primo evento al Mulino Vecchio di Bellinzag. Oggi si inaugura la mostra fotografica collettiva “Parchi: sensazioni ed atmosfere” donata all’Ente di Gestione delle Aree protette del Ticino e Lago Maggiore dalla Società Fotografica Novarese e dal Fotoclub di Biella

Parchi Natura Arte 2018, primo evento al Mulino Vecchio di Bellinzago

Oggi, martedì 1° maggio, per il progetto “Parchi Natura Arte 2018” si inaugura al Mulino Vecchio di Bellinzago, nel Parco Naturale della Valle del Ticino, la mostra fotografica collettiva “Parchi: sensazioni ed atmosfere” donata all’Ente di Gestione delle Aree protette del Ticino e Lago Maggiore dalla Società Fotografica Novarese e dal Fotoclub di Biella. L’apertura del sito, dalle 14.30 alle 19.30, sarà festeggiata con il percorso guidato all’Area delle ginestre, bella passeggiata fra boschi e prati. Per chi non lo conoscesse è interessante visitare l’edificio dell’antico Mulino, costruito sulla Roggia Molinara in territorio di Bellinzago, cavo fatto scavare dagli Sforza nel 1484. Riscattato dalla Comunità del borgo nel secolo XVIII, il mulino fu confiscato dal governo napoleonico e, dopo numerosi passaggi di proprietà, nel 1929 è pervenuto alla famiglia Ambrosetti che lo ha mantenuto in funzione conservando l’antico sistema di macinazione ad acqua. Il mulino fu acquistato nel 1985 dal Parco Naturale della Valle del Ticino, sulla cui area è insediato. L’acquisto ha permesso di conservare l’edificio e tutti i meccanismi, ancora perfettamente funzionanti. Oggi è un importante Centro Regionale di Educazione Ambientale.

Si apre la mostra fotografica “Parchi: sensazioni ed atmosfere”

La mostra fotografica è da considerarsi premessa importante per il progetto espositivo 2018, coordinato e organizzato dall’Ente di Gestione dei parchi, in quanto presenta una carrellata di immagini dedicate alle aree protette che si estendono sulle quattro province, che attualmente comprendono: il Parco Naturale della Valle del Ticino, il Parco Naturale dei Lagoni di Mercurago, le Riserve dei Canneti di Dormelletto e Fondotoce, le Riserve Naturali Speciali del Colle della Torre di Buccione e del Monte Mesma, la Riserva Naturale Speciale della Bessa, quella del Parco Burcina “Felice Piacenza”, il Parco delle Lame del Sesia con le annesse Riserve Speciali Isolone d’Oldenico, Garzaia di Villarboit, Palude di Casalbeltrame, la Riserva Naturale Orientata delle Baragge. Molte di queste aree verdi sono state indagate dai fotografi che ne hanno colto gli aspetti naturalistici più qualificanti, fissandoli attraverso l’obiettivo per trasmettere agli osservatori forme, colori, ambienti, atmosfere, emozioni. La mostra è visitabile durante le domeniche comprese nei periodi 1 maggio-1 luglio; 2-30 settembre e nei giorni 26 agosto e 28 ottobre. Aperta, con ingresso libero, dalle 14.30 alle 19.30. Aperture: da domani, martedì 1 maggio, al 29 luglio e dal 2 al 30 settembre. Aperture speciali 26 agosto, 28 ottobre.
e.m.