Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 24 febbraio 2017

Vanno a casa sua per notificare un atto al compagno: lei se la prende con i poliziotti e finisce con l’essere arrestata

| Cronaca NOVARA, La Polizia si reca nell’appartamento di una coppia per notificare un atto prefettizio all’uomo, cittadino straniero, e finisce con il dover arrestare la compagna, che – a un certo punto della vicenda – inizia a prendersela con i poliziotti.E’ successo a Novara. In manette per resistenza a pubblico ufficiale, una 19enne italiana. Il compagno è stato subito collaborativo con gli agenti, ma mancavano alcuni documenti e così il ragazzo doveva andare qualche minuto in Questura per poi tornare a casa. A quel punto la giovane ha dato in escandescenze e se l’è presa con i poliziotti, cercando anche di bloccare l’auto con a bordo il compagno, che – dal canto suo – la invitava a stare tranquilla. Stamani, in Tribunale, la giovane – assistita dall’avvocato Massimo Zanari – ha patteggiato 4 mesi con la condizionale.mo.c.

Trecate: bloccato ladro all’isola ecologica

| Cronaca TRECATE, Continua l'incessante lavoro della Polizia Locale di Trecate, nel Novarese, a tutela della sicurezza dei cittadini: sono stati svolti infatti a distanza di pochi giorni due interventi di rilievo. Venerdì 17, intorno alle 18,45, gli agenti della municipale hanno notato, osservando le telecamere di sorveglianza dell’isola ecologica di via San Cassiano, appena ripristinate grazie allo stanziamento deliberato dall'Amministrazione, un soggetto che si aggirava tra i cassoni, rubando materiali metallici inserendoli in un grosso sacco. Una pattuglia è intervenuta immediatamente e ha bloccato il ladro che, alla vista degli agenti, ha tentato invano la fuga. L'uomo, un cittadino marocchino di 32 anni, residente in La Spezia (SP), nullafacente, regolare sul territorio italiano, è stato denunciato per tentato furto aggravato, poiché perpetrato all’interno di una struttura comunale di pubblica utilità. Pochi giorni dopo, mercoledì 22 febbraio, intorno alle 15.15, durante un posto di controllo sulla Strada Provinciale 11/R nei pressi della rotonda di ingresso in via Novara, una pattuglia della Polizia Locale di Trecate ha intimato l’alt ad un'autovettura Opel Vectra, a bordo della quale si rilevava la presenza del conducente, identificato in un cittadino italiano già conosciuto dalle Forze dell’Ordine, residente a Tromello e di altre quattro persone di nazionalità marocchina. I quattro stranieri sono stati sottoposti a fermo d’identificazione e condotti alla Questura di Novara per l’identificazione tramite rilievo fotodattiloscopico. Dagli accertamenti è risultato come tre di essi fossero irregolari sul territorio italiano, nullafacenti, senza fissa dimora e, pertanto, sono stati trattenuti nella cella di sicurezza del Comando Polizia Locale di Trecate in attesa delle disposizioni del questore circa le modalità della loro espulsione e denunciati poiché permanevano illegalmente sul territorio nazionale. mo.c.

CivicNeet cerca nuovi tirocinanti

| Economia e politica Otto esperienze concluse e tre in corso, sei giovani già confermati dopo il tirocinio in azienda: sono i numeri del progetto “CivicNeet – Sviluppo di comunità”, in fase di sperimentazione nel novarese grazie all’associazione Territorio e Cultura Onlus, nata intorno al Corriere di Novara. La formula è semplice: ai classici stage vengono affiancati progetti di volontariato per inserire maggiormente nelle comunità i cosiddetti Neet, cioè i giovani dai 15 ai 29 anni che non studiano né lavorano. “Un modo nuovo per rispondere ai fattori di ostacolo più profondi e con effetti di lungo termine che limitano l’accesso al mercato del lavoro e incrementano il tasso degli abbandoni scolastici precoci” avevano spiegato in fase di lancio i promotori del progetto, realizzato da Territorio e Cultura in partnership con Regione Piemonte, Associazione Industriali di Novara e Camera di Commercio e con il sostegno di Fondazione Cariplo. Il progetto CivicNeet non si ferma: l’associazione è alla ricerca degli ultimi tirocinanti necessari per completare il numero di interventi programmato. I promotori invitano quindi ragazzi, aziende, agenzie per il lavoro e associazioni interessati a saperne di più a mettersi in contatto con loro (attraverso l’indirizzo mail civicneet@gmail.com). "I progetti di comunità conclusi e in corso - fanno sapere da Territorio e Cultura - dimostrano come CivicNeet sia davvero un'opportunità di crescita per tutti i ragazzi e per ogni comunità e realtà associativa coinvolta, nonché un'occasione per le aziende datrici di lavoro, visto l'apprezzamento ricevuto dalle istituzioni. Grazie al contributo di Fondazione Cariplo, CivicNeet può inoltre sostenere le spese dei progetti di comunità più strutturati, come nel caso del murales realizzato sui muri del Comune di Briga Novarese".   l.pa.

Allo stadio di Galliate la base d’atterraggio notturno per l’elisoccorso del 118

| Cronaca GALLIATE - Galliate sarà tra i primi comuni del Piemonte (il secondo in provincia di Novara, dopo Borgomanero) ad avere un sito di atterraggio notturno per l’elisoccorso del 118. Ad inizio settimana la Giunta comunale, rispondendo ad una richiesta dell’Azienda ospedaliera “Maggiore della Carità” di Novara, ha deliberato un atto di indirizzo che individua nel campo sportivo “Achille Varzi” di via Adamello un punto dove gli elicotteri del 118 in servizio di notte potranno atterrare per  un interscambio  aria-terra dei pazienti. «La scelta - dice il sindaco Davide Ferrari - è caduta sullo stadio e non comporterà alcun disagio per l’attività sportiva, che in questo momento è ferma per le ben note vicende legate all’affidamento della struttura ma che speriamo possa riprendere a breve con una nuova gestione».In sostanza, spiega il sindaco, «potrà capitare che, qualche volta, l’elicottero con a bordo feriti (o magari anche organi destinati ai trapianti) possa atterrare sul campo da gioco, dove ad attenderlo troverà un’ambulanza che provvederà al trasporto del paziente via terra in ospedale a Novara. Ricordiamo che a Galliate dalla sede Cri di via Battisti, possono partire in pochi minuti ambulanze per il soccorso avanzato. Si tratta di un servizio in più offerto alla popolazione (e non solo di Galliate) che potrà rivelarsi molto utile. E che - sottolinea il sindaco - per il Comune non comporterà alcun aggravio di costi, se non qualche piccolo accorgimento per l’accesso al campo, che dovrà essere garantito agli operatori del 118 negli orari notturni, appunto, qualora si presenti la necessità».Non appena l’iniziativa sarà definita nei dettagli sarà organizzata una dimostrazione di volo notturno, che solo recentemente è stato attivato dal 118.Laura Cavalli

Orlandi: «Testa solo allo Spezia»

| Sport NOVARA - A 32 anni è sbarcato per la prima volta da calciatore in Italia. A dispetto delle sue origini “italianissime”, come tiene a sottolineare.  Andrea Orlandi è nato a Barcellona, ma sente il cuore diviso a metà: «Sono nato in Spagna, ho vissuto sempre lì e mia moglie è spagnola - rivela - Ma i miei genitori sono italiani e mi hanno trasmesso l’italianità. E’ un orgoglio giocare qui». Un’opportunità che si è concretizzata un po’ a sorpresa. «Appena ho saputo di questa opzione ho accettato immediatamente. E’ stato tutto molto veloce. Il Novara mi ha voluto fortemente, l’ho preferito ad altre soluzioni e non sono affatto pentito». A Latina un debutto coi fiocchi «Dal primo giorno i miei compagni mi hanno fatto sentire subito a mio agio. Sono felice del mio esordio perchè è coinciso con la vittoria della squadra, che è la cosa più importante». Come mai il calcio italiano si è accorto di Orlandi così tardi? «Non c’è mai stata la possibilità. Ho giocato in Inghilterra per tanti anni e sarei voluto rimanere lì, ma non è stato possibile. Dopo la rescissione con l’Apoel ho colto al volo l’opportunità di venire a giocare in Italia. Come si dice non è mai troppo tardi. Ho 32 anni, ma ho voglia di continuare ancora per un po’». Conoscevi già Novara? «Sì, quando era stato in serie A e nel club c’era un direttore spagnolo. E avevo sentito parlare di Novarello». A proposito di direttori, Teti ti seguiva da tempo... «Non lo conoscevo, ma quando ho parlato con lui mi ha descritto perfettamente come calciatore. E da lì ho capito che era Novara la scelta giusta». E poi c’è Macheda, vecchia conoscenza dal calcio inglese. «Federico lo conoscono tutti ed è un ottimo calciatore. Inoltre è anche il mio compagno di stanza. Spero di aiutare a segnare tanti gol a lui e a Galabinov». Ma dove può arrivare questo Novara? «L’altro giorno abbiamo parlato col mister e ci siamo detti di pensare partita per partita. La serie B italiana mi ricorda la Championship, c’è molta fisicità ed è difficile vincere le partite contro avversari veramente duri. Ci stiamo allenando bene, con grande voglia. E soprattutto in casa dobbiamo cercare sempre la vittoria. Iniziamo, però, a pensare solo alla prossima partita contro lo Spezia». A che punto è la tua condizione? «Gli allenamenti sono duri e spero di essere al massimo prestissimo. Sono felice di questa nuova avventura». E i tifosi azzurri già sognano un nuovo beniamino... Paolo De Luca

Carnevale: è ancora tempo di sfilate e balli in maschera

| Spettacoli e cultura NOVARA - Ritorna in questo finesettimana  il Carnevale novarese. Sabato 25 febbraio grande sfilata dei carri. Per le vie cittadine sfilata dei personaggi storici, carri cittadini e partecipazione dei carri dei paesi vicini, e banda folcloristica, majorett e tamburini. La partenza è prevista da via Generali per le ore 15 poi si prosegue fino a largo Leonardi, corso Torino, via XX Settembre fino alla Barriera Albertina, poi si percorre il baluardo Quintino Sella fino a piazza Cavour, e ancora fino all’angolo delle Ore, corso Italia, via Omar, piazza  cesare Battisti, via fratelli Rosselli, fino a piazza Duomo. Qui si esibiranno i gruppi dei carri partecipanti e una giuria premierà i tre carri più belli, inoltre verrà premiata anche la poesia più bella in ricordo di Enrico Occhetti. Seguirà risottata per tutti. In caso di maltempo la sfilata sarà rimandata al sabato successivo 4 marzo. Domenica 26 febbraio la festa si sposta al Centro commerciale San Martino dove Re Biscottino, La Regina Cunetta e la loro corte intratterranno i bambini con musica dal vivo, giocolieri, clown, truccatori, di bimbi, spettacoli di magia e arte varia, con la scuola circense Dimidimitri, scuole di danza DAnza viva, Centro danza Buscaglia eTtempio della danza e spettacoli di ballo per adulti con la scuola “Calor latino” (latino americano). Martedì 28 febbraio gran ballo dei bambini con un fantastico pomeriggio danzante per i più piccoli con musica, magia e divertimento al Palazzetto Celestino Sartorio dalle 15 alle 18 seguirà merenda per tutti i bambini. Infine martedi 28 febbraio dalle 20.30 alle 24. Gran ballo in maschera: serata danzante in maschera aperta a tutti gli adulti e anziani al palasport di viale Verdi con intrattenimento di scuole di danza Novaresi. Seguirà rinfresco gratuito per tutti. cl.br.

Oggi è la Giornata del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibi

| Economia e politica Oggi, venerdì  24 febbraio, Radio2 invita tutti a partecipare alla giornata del risparmio energetico. Come? Spegnendo le luci, andando al lavoro in bicicletta, cucinando a basso impatto ambientale, diffondendo il messaggio. M’illumino di Meno 2017 è condivisione: #CondiVivo Insieme a voi in questi anni abbiamo spento i principali monumenti italiani ed europei come gesto simbolico di risparmio energetico. Abbiamo cominciato quando ancora la sensibilità verso i temi ambientali era poco diffusa e dopo 13 anni di campagna la cura del pianeta è diventata sempre più impellente. Le sfide energetiche si rinnovano, così M’illumino di Meno si rinnova grazie alla partecipazione di centinaia di migliaia di sostenitori che si mettono in gioco in prima persona con azioni concrete. Rinnoviamo l’invito a spegnere le piazze, le illuminazioni private e pubbliche il 24 febbraio. Oltre agli spegnimenti quest’anno invitiamo tutti coloro che aderiscono a compiere un gesto di condivisione contro lo spreco di risorse. E’ dimostrato come la più grande dispersione energetica sia causata dallo spreco in tutti ambiti dei nostri consumi: alimentari, trasporti, comunicazione. Per questo Caterpillar invita tutti gli ascoltatori il 24 febbraio a condiVivere: dando un passaggio in auto ai colleghi, organizzando una cena collettiva nel proprio condominio, aprendo la propria rete wireless ai vicini e in generale condividendo la proprie risorse come gesto concreto anti spreco e motore di socialità. Ci rivolgiamo come ogni anno alle istituzioni di tutti i livelli, alle associazioni culturali e a quelle sportive, alle scuole di ogni ordine e grado e soprattutto ai singoli cittadini perché M’illumino di Meno è soprattutto una giornata di festa energetica aperta a tutte le forme di creatività. Quest’anno al mondo della scuola e dell’infanzia proponiamo di giocare a immaginare un supereroe del risparmio energetico e al mondo dello sport di mobilitarsi per il giorno di M’Illumino di Meno organizzando attività sportive di sensibilizzazione perché l’energia più pulita è quella che produciamo noi muovendoci senza inquinare. Negli anni la partecipazione a M’Illumino di Meno è cresciuta in modo straordinario ed è giunto il momento di far diventare questa festa diffusa un appuntamento fisso e riconosciuto: stiamo portando avanti la proposta dell’istituzione della Giornata Nazionale del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili. Il 24 febbraio è la festa del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili. Spegniamo le luci e accendiamo l’energia della condivisione. Si può condividere l’auto per andare al lavoro. Si può condividere la bicicletta e partire tutti insieme. Si può iniziare ad usare il bike sharing o il car sharing. Si può condividere il cibo: cucinare e mangiare insieme, a casa o in piazza. Si può condividere il trapano, la polentiera, l’aspirapolvere, il tosaerba e la lavatrice. Si può condividere la casa: con l’ospitalità, lo scambio, il divano o un posto per il sacco a pelo. Si può condividere la banda: aprire il proprio wireless, sherare. Si può condividere un saper fare: t’appendo quel quadro, t’insegno lo spagnolo, ti riparo la gomma della bicicletta. Si può condividere un sapere: lasciare un libro o un giornale. Si può condividere lo sport: correre insieme, pedalare, nuotare e sudare. Si può condividere un telescopio e guardare le stelle che con le luci spente son più belle. E il cielo è di tutti, già condiviso. Si possono condividere i vestiti e i giocattoli usati dei nostri figli organizzando un baratto a scuola. Si possono condividere le incombenze, facciamo che oggi te lo porto fuori il cane. Si possono condividere i genitori e i bambini facendo i compiti insieme. Si può condividere qualsiasi cosa. Si può condividere un po’ di tempo. In silenzio. Si può anche parlare e ascoltarsi. In ogni condivisione c’è un risparmio di energia.  Ogni condivisione genera energia. Condividere fa bene. Non ci resta che augurarvi Buon M’illumino di Meno! Radio2 - Caterpillar

Impianti sportivi trecatesi più moderni e funzionali: i lavori al PalaMezzano

| Sport TRECATE - Dopo il restyling degli spogliatoi del PalaMezzano, inaugurati a novembre, l’Amministrazione comunale ha fatto eseguire nuovi interventi di ammodernamento degli impianti sportivi trecatesi. «A dicembre  - dichiarano il consigliere incaricato ai Lavori Pubblici, Mauro Bricco, e il consigliere incaricato allo Sport, Giovanni Varone -  sfruttando il periodo di inattività delle palestre nelle vacanze natalizie, grazie all’ottima sinergia tra il Settore Lavori Pubblici ed il Settore Sport, sono stati effettuati due importanti interventi sull’impianto di riscaldamento del PalaMezzano, in cui si erano verificati problemi nella produzione di acqua calda sanitaria ad uso delle docce, sia della palestra che del campo sportivo. Viste le condizioni precarie delle tubazioni interrate e considerata la vetustà del bollitore per la produzione di acqua calda sanitaria inserito nella caldaia, si è deciso di finanziare la sostituzione del vecchio impianto, risalente agli anni ’90, con uno nuovo, passando così da un sistema tradizionale a un sistema di caldaie a condensazione di ultima generazione con funzionamento a cascata, installando inoltre due bollitori verticali da 1500 litri ciascuno, che garantiranno la produzione di acqua calda per tutte le attività che si svolgono in palestra. Grazie ai fondi stanziati a bilancio si è potuto completamente ristrutturare e adeguare la centrale termica del palazzetto, sia per quanto riguarda l’impianto elettrico che per l’impianto termico a gas, garantendo in tal modo  oltre ad un ottimale funzionamento degli impianti, anche un notevole risparmio di combustibile e di energia elettrica». «Sempre al Pala Mezzano - continua Varone - si è  intervenuti sulle vetrate poste sul lato ovest della struttura, risolvendo l’annoso problema dell’irraggiamento solare che provocava un fastidioso disturbo per i giocatori durante le manifestazioni sportive, specialmente nelle ore pomeridiane. Un altro obiettivo raggiunto riguarda la piscina coperta dove l’annoso problema della centrale termica destinata al riscaldamento dell’acqua per le vasche è stato finalmente risolto grazie all’impegno dell’Amministrazione comunale che ha stanziato i fondi necessari. La centrale termica, risalente ai tempi della costruzione della piscina agli inizi degli anni ’90 e mai sostituita, non solo comportava notevoli problemi nel regolare funzionamento per la produzione dell’acqua calda (con conseguente disagio per l’utenza), ma, come noto, generava consumi molto elevati». «Con l’intervento radicale effettuato – precisa Bricco - si è provveduto allo smantellamento dell’intera centrale termica esistente, all’installazione di tre moduli termici a condensazione e di una nuova canna fumaria e al rifacimento di tutto l’impianto elettrico e di regolazione di tutta l’impiantistica idraulica». «L’attenzione all’impiantistica sportiva – conclude Varone – rientra nel programma dell’Amministrazione che intende valorizzare e sostenere l’attività delle associazioni sportive locali». Daniela Uglietti

81enne truffata da due finti dipendenti dell’acquedotto

| Cronaca CERANO, Ancora truffatori in azione nel Novarese. L’ultimo episodio si è verificato l’altra mattina a Cerano. Qui due soggetti si sono presentati in un’abitazione di via Papa Giovanni XXIII, riferendo all’anziana che ha aperto loro la porta, classe 1935, di essere alcuni addetti dell’acquedotto. La strategia utilizzata per la truffa è stata la consueta, quella dell’acqua al mercurio. Hanno, infatti, riferito alla donna che dovevano verificare la qualità dell’acqua e l’hanno pertanto invitata a mettere contanti e oggetti in oro all’interno del frigorifero. Poi, con alcuni stratagemmi, sono riusciti a distrarla e ad andarsene con l’oro e i contanti. Quando la vittima ha capito di essere stata raggirata, ha denunciato l’episodio ai Carabinieri, che ora si stanno occupando delle indagini.mo.c.
22-06-2016
| Il rapinatore dell' MD
17-06-2016
| Bullismo: tre misure cautelari nei confronti di tre ventenni 
06-06-2016
| Rave party Granozzo
28-05-2016
| My Sweet Moon Dena 2016
26-05-2016
| Azzurro Valzer trailer
Vai alla sezione Fotogallery completa » Guarda tutti i video »
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
^ Top
"POPUP"