Corriere di Novara

Periodico Indipendente delle Province di Novara e V.C.O.

Corriere di Novara
Fondato nel 1877 / In edicola il lunedì, giovedì e sabato

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 01 ottobre 2016

"Te quiero", verso Amici?

| Spettacoli e cultura Si intitola “Te quiero” l’ultimo singolo del cantante aronese Andrea Drew Arrigoni, uscito pochi giorni fa con il relativo video già giunto a 14.000 visualizzazioni. Una canzone fresca dal ritmo allegro arricchita dal mix di spagnolo e italiano “una cosa diversa dal solito – come ci ha spiegato Andrea – non è stato facile scrivere il testo in due lingue ma sono molto soddisfatto del risultato”. Tanto che proprio questo inedito, insieme ad un altro non ancora uscito, è stato interpretato da “Drew” al provino che ha sostenuto il 19 settembre a Roma per far parte del cast della trasmissione televisiva “Amici”. “Avevo mandato la mia candidatura online caricando un video con una mia canzone – racconta – poi mi hanno chiamato per le selezioni. E’ stata un’esperienza molto formativa per me, al di là dell’esito finale (si saprà come è andata solo a fine ottobre, inizio novembre, ndr) sono contento di averla fatta. All’inizio come normale ero agitato però poi al momento dell’esibizione ero abbastanza tranquillo e ho cercato di dare il meglio di me. Ho trovato molta professionalità e serietà. Mi piacerebbe senza dubbio partecipare ad Amici, i talent oggi sono il modo più efficace per farsi conoscere al grande pubblico”. Andrea ha 25 anni vive ad Arona, studia Scienze dell’Educazione all’Università Bicocca di Milano e lavora anche come educatore in alcune scuole superiori. Trova comunque il tempo per portare avanti il suo progetto musicale: ”Ho iniziato a registrare le mie canzoni circa 4 anni fa grazie ad alcuni amici, un anno fa sono passato a un vero e proprio studio di registrazione. Non ho ancora fatto esibizioni dal vivo, me l’hanno proposto diversi locali ma preferisco prima terminare il mio primo album che conterrà i dieci brani che sono già usciti più altri 3 o 4 che ho in cantiere”. Andrea Drew Arrigoni ha raggiunto una certa notorietà grazie a “Cyberbullismo”, una canzone uscita a ottobre 2015, che come spiega Drew sulla sua pagina Facebook “ è la risposta a una società dove la discriminazione è all'ordine del giorno, dove i pregiudizi esistono da sempre, dove si è perseguitati semplicemente con un click di un computer senza reali motivazioni. All'interno di questo mondo virtuale dove tutti noi ci troviamo e dove per colpa di persone nascoste dietro a una tastiera si contano giorno dopo giorno tantissime vittime”. Da allora, con il suo stile che definisce alternative rap, Drew di strada ne ha fatta fino a giungere a “Te quiero”,  il cui video è stato girato ad Arona con la modella Francesca Trevisani, realizzato da Francesco Tiziani e con il montaggio di Simone Brazzorotto. E ancora molta ne ha davanti a sé. Valentina Sarmenghi

Hanno sequestrato per anni due anziani: a processo

| Cronaca NOVARA, Prime battute, in Tribunale a Novara, al processo a carico di Stefana Arena, 62 anni, e del figlio Antonio, di 31, arrestati lo scorso marzo dai Carabinieri, perché reputati, a seguito di una lunga serie di indagini, come “spietati carcerieri” di una coppia di anziani residenti a Caltignaga. I due sono difesi dall’avvocato Patrizia Bartaloni. Sono giunti alla sbarra con le accuse di circonvenzione di persone incapaci, di maltrattamenti e lesioni e di invasione di terreni o edifici.Stando agli inquirenti, i due anziani sarebbero stati segregati e lasciati nel degrado per almeno cinque anni. Una vicenda che, come si rileva dalla testimonianza del comandante della Stazione Carabinieri di Cameri, il maresciallo Carmelo Gualtieri, è stata scoperta a seguito di una lettera ricevuta dai militari di Cameri dal posto di Polizia dell’ospedale di Novara. “Nel maggio del 2015 – ha spiegato in aula - ricevemmo una lettera con il referto medico relativo alla rottura del femore di una donna anziana, rottura dovuta, si leggeva, a un incidente stradale. Come da prassi, abbiamo dato il via a una serie di accertamenti e così siamo giunti a una casa a Caltignaga dove si trovavano i due anziani e gli attuali due imputati. Trovammo una situazione che non ci convinse e così tornammo nell’abitazione con l’Asl, i servizi sociali e il Comune. La casa non era infatti nelle migliori condizioni igienico-sanitarie”. Un controllo che portò al sequestro, tra le altre cose, delle carte bancomat, intestate ai due anziani, ma in possesso di Arena, carte che avrebbe utilizzato per ritirare le pensioni dei due coniugi.Prossima udienza il 7 ottobre, quando saranno ascoltati altri testi. Alla passata udienza, l’avvocato Bartaloni ha prodotto documentazione (compresi alcuni filmati) che attesterebbe come i due Arena abbiano trattato bene la coppia di anziani.mo.c.

Università del Piemonte orientale, proroga delle immatricolazioni

| Novara Città Il Rettore dell’Università del Piemonte Orientale ha deciso di prorogare i termini per le immatricolazioni e le iscrizioni, per l’anno accademico 2016-17, fino a venerdì 14 ottobre. La proroga riguarda le immatricolazioni ai corsi di laurea triennale e di laurea magistrale a ciclo unico e le iscrizioni agli anni successivi al primo. Fino al 14 ottobre, pertanto, gli studenti potranno iscriversi senza il pagamento di alcuna mora. Sono però esclusi dalla proroga il corso di laurea triennale in Biotecnologie, le cui immatricolazioni continuano fino a raggiungere i 600 immatricolati entro e non oltre il 14 ottobre (occorre compilare il form disponibile al link http://bit.ly/FormBIOTECUPO); il corso di laurea triennale in Economia aziendale e i corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Farmacia e Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (coloro che si sono pre-immatricolati entro le ore 24 di ieri possono perfezionare la procedura entro il 14 ottobre); il corso di laurea triennale in Scienze biologiche, le cui immatricolazioni continuano fino a raggiungere i 500 immatricolati entro e non oltre il 14 ottobre (occorre compilare il form disponibile al link http://bit.ly/ImmScienzeBioUPO).  Saranno considerate le richieste pervenute in ordine cronologico fino al raggiungimento del tetto indicato. Per questi corsi non saranno accettate domande di passaggio o di trasferimento in ingresso al primo anno. v.s.

Al via progetto di aggregazione con i giochi da tavolo

| Spettacoli e cultura CAMERI, Stare insieme giocando a Risiko o a Taboo. E’ l’idea che sta alla base del progetto di aggregazione “Quando si sta insieme è bello giocare”, proposto dall’associazione Asap As Simple As Passion con i Comuni di Cameri e Castelletto Ticino e scelto tra le dodici iniziative del piano giovani della Provincia di Novara.I tornei si svolgeranno a cadenza regolare da inizio ottobre, sempre alle 21: ogni giovedì sera a Castelletto Ticino nell’ex Casa del popolo in vicolo Pessina 1 (a Castelletto la location cambierà ogni mese) e il lunedì sera a Cameri al Circolo Matteotti in via Mazzucchelli 75. “I ragazzi (e anche gli adulti se lo desiderano) possono partecipare iscrivendosi ai tornei o prenotandosi per partite libere anche una sola serata – spiegano Vito Diluca e Matteo Salomone, rispettivamente assessore e consigliere delegato ai Giovani a Castelletto e a Cameri – Una iniziativa di questo tipo rappresenta una scommessa e una novità tra le iniziative delle nostre amministrazioni comunali, stiamo cercando di trovare il coinvolgimento delle scuole medie e superiori per una partecipazione più ampia possibile. Giocare non costa nulla, sia ai tornei sia alle singole partite: è solo necessario prenotarsi con un po’ di anticipo alla mail info@asapfanzine.it per poter consentire una organizzazione ottimale”.Saranno quattro i giochi proposti nelle varie serate: Risiko, Taboo, Hotel e Citadels. A ottobre si parte con Risiko a Castelletto e Taboo a Cameri. “Oltre alla musica, allo sport, agli eventi ci sono possibilità di aggregazione diverse come appunto possono essere i giochi di società, che puntano ad interessare un pubblico trasversale – spiega Mario Baldassarre di Asap – Nei mesi autunnali e invernali, da ottobre fino a febbraio, due sere a settimana saranno proposti tornei e partite libere dei principali giochi di società. Iniziative del genere sono comuni nei Paesi del nord Europa, in alternativa alla televisione, in Islanda c’è addirittura una serata dedicata alla cultura e all’aggregazione “per legge”: speriamo che anche da noi la proposta funzioni. E’ una sfida che lanciamo anche ai ragazzi”.Il progetto “Quando si sta insieme è bello giocare” propone anche alcuni eventi collaterali: a Castelletto a giugno si sono svolti un festival di artisti di strada con ospiti internazionali e un reading di poesia al femminile lungo il Ticino; a Cameri a inizio settembre uno spettacolo dedicato a Lucio Dalla, in autunno saranno invece proposti laboratori per le scuole medie su come nasce un gioco di società. Il progetto è piaciuto tanto che a sostenerlo, oltre alla Provincia, è arrivata anche Coop Academy, progetto di Nova Coop che si propone di sostenere iniziative sociali e rivolte ai giovani in tutta Italia. “Stiamo facendo rete con tante altre associazioni – specifica Baldassarre – In primis con Free Tribe di Oleggio, tra i nostri partner, poi con le altre associazioni che contribuiscono al piano giovani provinciale, in questo ci ha dato un grande aiuto la consigliera provinciale ai Giovani, Laura Noro”.mo.c.

Alternanza scuola-lavoro: pronti i percorsi per la formazione di studenti e docenti

| Economia e politica NOVARA - Entra nel vivo l’attuazione di percorsi strutturati di alternanza scuola-lavoro che coinvolgeranno, nei prossimi anni, migliaia di studenti dell’ultimo triennio delle scuole superiori del territorio. In base a quanto stabilito dal protocollo d’intesa stipulato con l’Ufficio Scolastico Territoriale il 15 aprile 2016, Camera di Commercio e Associazione Industriali di Novara hanno inviato a tutti i dirigenti scolastici una serie di proposte formative e di attività laboratoriali finalizzate a supportare  le scuole nell’attuazione delle disposizioni introdotte dalla Legge 107/2015, che ha reso l’alternanza scuola-lavoro obbligatoria per tutti gli istituti scolastici superiori, nella misura di almeno 400 ore nel secondo biennio e nell’ultimo anno negli istituti tecnici e professionali e di almeno 200 ore nel triennio nei licei. Le proposte, realizzate grazie anche al sostegno operativo dell’Università del Piemonte Orientale e dell’Incubatore d’impresa “Enne3”,  prevedono interventi di tipo formativo su temi propedeutici all’ingresso dei ragazzi in azienda, oltre a testimonianze di imprese, professionisti e istituzioni economiche, visite aziendali, tirocini e progettazione di esperienze di “Impresa Formativa Simulata”. La competenza specifica del Consorzio di formazione professionale Foraz e dell’agenzia Synergie ha inoltre consentito di completare l’offerta formativa con un catalogo di attività a pagamento con tariffe agevolate per le scuole. «La difficoltà delle imprese nel reperire figure professionali in linea con le proprie esigenze – commenta Maurizio Comoli, presidente della Camera di Commercio di Novara – vede nell’alternanza scuola-lavoro uno strumento per migliorare l’incontro tra domanda e offerta formativa. Un incontro che per, rivelarsi fruttuoso, necessita di un dialogo attivo tra le parti coinvolte, possibile solo se basato su un linguaggio comune: l’impegno dell’Ente camerale e dell’Associazione Industriali, che contiamo di portare avanti anche con il coinvolgimento delle altre associazioni di categoria, è quello di fungere da facilitatori, supportando gli istituti scolastici nel formare i propri studenti su temi quali, ad esempio, l’analisi dell’economia locale e l’organizzazione aziendale, per rendere i ragazzi più consapevoli delle dinamiche lavorative e prepararli al successivo ingresso in azienda. Nel contempo – aggiunge Comoli – saremo al fianco delle imprese, mettendo a disposizione strumenti specifici per agevolare il loro ruolo, quali il Registro nazionale dell’alternanza scuola-lavoro». «Riuscire a definire percorsi didattici strutturati in alternanza tra scuola e lavoro – sottolinea la vicepresidente dell’Ain con delega all’Education, Anna Chiara Invernizzi – è una straordinaria opportunità per favorire, anticipandolo, l’incontro dei giovani con il mondo e la cultura aziendali, per migliorare il sistema della formazione e per incrementare, di conseguenza, la competitività delle imprese. Dato il grande numero di studenti che saranno coinvolti si tratta però anche di una grande sfida per le istituzioni e le scuole che vi sono coinvolte. Per parte nostra chiederemo agli imprenditori di aprire le porte delle loro aziende e di mettere a disposizione, insieme ai loro manager e ai loro collaboratori, un po’ del loro tempo per incontrare gli studenti e iniziare a informarli, insieme con i docenti, sulle principali attività e sulle competenze che sono ritenute necessarie per svolgerle. Un ruolo importante in questo percorso avranno anche il Comitato della Piccola Industria e il Gruppo Giovani Imprenditori dell’Ain, su cui contiamo molto anche nella ricerca di testimonial». I percorsi proposti si suddividono in tre macro-settori:  gli interventi istituzionali, dedicati al  quadro economico locale, la formazione all’autoimpiego e all’autoimprenditorialità, i servizi alle imprese, il “Lean Management”, l’ambiente, la qualità, l’innovazione e la sicurezza,  seguiti da una serie di testimonianze aziendali, lavori di gruppo e presentazioni di case histories. Un approccio concreto al tema dell’innovazione sarà inoltre fornito dagli incontri con alcune “start up” novaresi attive nei settori dell'ICT, del turismo, della comunicazione e delle scienze della vita. Un secondo  ambito di attività è  la co-progettazione di “format” per la realizzazione di “Imprese Formative Simulate” e  di visite aziendali e stage. Infine, il terzo pacchetto di interventi, curato da Foraz e Synergie, è destinato alla formazione in materia di sicurezza, per docenti e studenti, di relazioni interpersonali e lavoro di gruppo, di conoscenza delle competenze richieste dalle aziende, dei canali preposti all’incontro tra domanda e offerta di impiego e delle caratteristiche del processo di selezione del personale, oltre che di utilizzo dei social media per inserirsi nel mondo del lavoro. Tra le prossime iniziative in programma, l’incontro sul Registro nazionale per l’alternanza scuola-lavoro, strumento istituito presso le Camere di Commercio dalla Legge 107/2015 che consente a imprese, enti pubblici e privati di indicare la propria disponibilità nell’accogliere studenti, specificando le caratteristiche richieste. Le modalità di funzionamento del Registro saranno presentate nel corso dell’incontro che si terrà mercoledì 5 ottobre alle ore 11 presso la Camera di Commercio e che vedrà la partecipazione di imprese, professionisti, associazioni di categoria, enti ed istituzioni locali. Per maggiori informazioni sulle attività di alternanza-lavoro: Camera di Commercio (studi@no.camcom.it); Associazione Industriali di Novara (emiliatolomeo@ain.novara.it). 

Mondiali di pattinaggio a Novara, un altro argento per l'Italia

| Novara Città NOVARA – Dopo le prime due medaglie (il bronzo di Alessio Gangi e l’argento di Elena Donadelli) di ieri negli Obbligatori Junior è arrivato un altro argento per l’Italia, quello di Marco Santucci negli Obbligatori Senior. Santucci, in forza all’Hockey Club Castiglione di Grosseto, si è piazzato secondo dietro il tedesco Markus Lell. Terzo gradino del podio per l’argentino Luis Hector De Mattia. Domani pomeriggio la pista del Pala Igor lascerà invece spazio alla Cerimonia di Apertura e poi alle competizioni Precision e Small Groups. Lunedì 3 ottobre invece arriverà in visita a Novara il presidente del Coni Giovanni Malagò che porterà i suoi saluti agli atleti azzurri e incontrerà i media. Ricordiamo che le nazionali in gara sono 31 provenienti da ogni angolo del mondo. La Nazionale italiana, guidata dal ct Fabio Hollan, conta 51 atleti tra Junior e Senior ed è il team che ha conquistato più medaglie (35 in tutto) agli ultimi Mondiali di Cali 2015, in Colombia. Il Mondiale di Novara ha attirato in città circa 15.000 persone tra atleti, team, accompagnatori e turisti venuti per assistere alle gare. A partire da domani l’evento sarà trasmesso in diretta da Rai Sport 1. Questo il programma dettagliato della giornata di sabato 1 ottobre al PalaIgor: alle 17 la Cerimonia di Apertura, alle 18.30 Competition Precision, alle 19.45 Competition Small Groups, alle 22 Awards Precision and Show. Sempre domani nel cortile del Broletto alle 18.45 si terrà il concerto della Fanfara del III Reggimento Carabinieri Lombardia. “La città di Novara è onorata di avere come ospite per la cerimonia di apertura dei Mondiali di Pattinaggio la Fanfara del III Reggimento Carabinieri Lombardia – dice il sindaco Alessandro Canelli - questo sodalizio dell’Arma rappresenta uno dei volti più belli dell’Italia migliore ed è quindi con grande orgoglio che presentiamo alla nostra città il concerto di domani, imperdibile occasione per chi ama la buona musica e che nutre il nostro stesso affetto e riconoscenza per quello che i Carabinieri sono per il nostro Paese”. La Fanfara del III Reggimento Carabinieri Lombardia è una formazione storica: a formarla sono 33 elementi, diretti dal maresciallo ordinario Andrea Bagnolo.  La Fanfara presenterà brani del repertorio bandistico: oltre a “La fedelissima” di Luigi Cirenei, saranno eseguiti “La grande guerra” (autori vari), “Il signor Bruschino” (Gioacchino Rossini),  “Va pensiero” (Giuseppe Verdi), “The stars and stripes forever” (John Philip Sousa), “Soul bossa nova” (Quincy Jones), “Birdland” (Joe Zawinul), “The typewriter” (Leroy Anderson), “Moment for Morricone” (Ennio Morricone), “Il canto degli Italiani” (Inno nazionale italiano, musicato da Michele Novaro e scritto da Goffredo Mameli). A causa del maltempo previsto non si terrà invece nella serata di sabato il “Silent Party: l’evento è rinviato a domenica 2 ottobre con gli stessi orari (21-24) e stessa location (cortile del Broletto). v.s.

Avevano aggredito una minore in corso Cavour: chiesti 8 e 12 mesi

| Cronaca NOVARA, Otto mesi per Roberto Perotti, 44 anni, e un anno per Paola Labella, 43. Queste le condanne richieste questa mattina venerdì 30 settembre, in Tribunale a Novara, al processo, prosecuzione di una direttissima dello scorso mese di luglio, che li vede imputati per un’aggressione avvenuta nei confronti di una minorenne nella zona di corso Cavour, in pieno centro città.I due sono difesi dagli avvocati Pamela Ranghino (Labella) e Giovanni Agnesina (Perotti). L’udienza è stata aggiornata al 13 ottobre per le repliche e la sentenza. Quel giorno, dopo aver insultato alcuni passanti, brandendo una bottiglia di birra, la donna, come riferito dalla Polizia, aveva aggredito una ragazza, che camminava con due amiche in corso Cavour, colpendola con alcuni schiaffi. Stando agli agenti sia Labella sia Perotti avrebbero poi sferrato diversi calci ai poliziotti, prima di essere immobilizzati e fatti salire nelle auto. E prima avrebbero danneggiato anche un’auto della Polizia Municipale.mo.c.Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola sabato primo ottobre

Avvisi di accertamento per i versamenti Tari

| Novara Città NOVARA - Prosegue l'impegno dell'Amministrazione nella lotta all'evasione dei tributi locali, <>.L'emissione degli stessi avvisi <>.Il termine di versamento della TARI era stato fissato per l’anno 2014 con prima rata 14 luglio 2014 , seconda rata 16 settembre 2014, terza rata 16 dicembre 2014. Per l’anno 2015 con prima rata e pagamento in unica soluzione 16 giugno 2015, seconda rata 16 dicembre 2015.In caso di dubbi o incertezze il contribuente potrà rivolgersi telefonando ai numeri telefonici di riferimento, indicati in calce all'avviso, oppure scrivendo agli indirizzi di posta elettronica indicati nello stesso avviso, oppure presentarsi agli sportelli di viale Manzoni 20 negli orari mattutini di apertura al pubblico.Il versamento degli importi dovuti dovrà essere effettuato entro sessanta giorni dalla notifica dell'avviso. <>.

"RoadtotheOcean”: da Oleggio a Finisterre in bicicletta

| Novara Provincia C’è chi ha scelto l’aereo, la nave oppure la macchina, lui invece ha preferito la bicicletta. Niente Ibiza o Mykonos per le sue vacanze, bensì Finisterre, il km 0 del Cammino di Santiago, tra i punti più a ovest dell’Europa a oltre 2000 km da casa. Un viaggio iniziato il 25 agosto dalla sua Oleggio quello di Federico Morselli, ma sognato da oltre un anno: «La scorsa estate ero a casa senza lavoro – ha ricordato – piuttosto che rimanere seduto sul divano ho scelto di andare in bici. Ho iniziato raggiungendo luoghi vicini come Boca, la Valesia, in seguito Milano, mentre a luglio sono arrivato in Liguria. Avevo bisogno di un riscatto, così ecco nascere l’idea di arrivare all’Oceano». Diciassette tappe pianificate in ogni minimo dettaglio quelle di Federico, dall’Italia alla Spagna, passando per la Francia, tra salite e discese con la fatica e il sudore sempre presenti al fianco. Ma in tutto questo c’è ben altro: «Ci sono mille paesaggi, le lacrime, i sorrisi – ha aggiunto - ma soprattutto la voglia di stare bene andando in sella alla propria bici, godendosi il tempo». La via verso Finisterre si snoda lungo il Cammino di Santiago. È quello uno dei tratti più suggestivi: «Il Cammino ti fa capire la vita, l’essere umano nell’essenziale – ha sottolineato – quando lo percorri non hai orari, non hai una sveglia. Vedi il sole nascere e inizi a camminare o  pedalare». La sua RoadtotheOcean, così la chiamata su Facebook, ha conquistato davvero tutti. Sui social centinaia di amici hanno seguito e letto il suo diario giornaliero: «Ricordo che una sera non pubblicai nulla e l’indomani alcune persone mi scrissero in privato chiedendomi se mi fosse successo qualcosa – ha ricordato sorridendo». L’8 settembre è il gran giorno, quello dell’arrivo a Finisterre. La nebbia però costringe Federico a rivedere i propri piani: «Purtroppo quel sabato non si vedeva nulla, infatti ritornai al faro il giorno dopo a godermi lo spettacolo del paesaggio». Il suo viaggio verso la libertà è giunto al “traguardo”, adesso c’è il tragitto del ritorno. Venti ore di bus fino a Barcellona e poi il traghetto per Genova. Giovedì scorso, poco dopo le 22, eccolo sotto il campanile di Oleggio circondato dall’affetto degli amici: «A luglio, quando tornai in bici dalla Liguria, fui costretto a chiamare mio padre, perché ad Alessandria accusai un colpo di sole. Questa volta invece le gambe mi hanno accompagnato fino a casa». Lunedì è tornato nuovamente dietro il bancone del bar, ma nella sua mente c’è già la voglia di ripartire: «Il viaggio all’Oceano è dedicato a mia nonna Catterina, scomparsa due anni fa – ha ricordato – adesso non voglio fermarmi. Ho già in mente un nuovo percorso, che presto svelerò».  Riccardo Guglielmetti   
22-06-2016
| Il rapinatore dell' MD
17-06-2016
| Bullismo: tre misure cautelari nei confronti di tre ventenni 
06-06-2016
| Rave party Granozzo
28-05-2016
| My Sweet Moon Dena 2016
26-05-2016
| Azzurro Valzer trailer
Vai alla sezione Fotogallery completa » Guarda tutti i video »
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
^ Top
"POPUP"