OSIMO – Dopo Busto anche Novara viene costretta alla sconfitta al tie break dalla Lardini Filottrano, dimostratasi in casa molto difficile da affrontare ma l’Igor non è stata sicuramente all’altezza del suo nome. Una sconfitta incredibile che brucia: la squadra azzurra, presentatasi nelle Marche in piena emergenza, ha ad un certo punto rischiato anche una più che clamorosa debacle. Barbolini modifica di nuovo la formazione rispetto al match di domenica con Firenze presentando Zannoni libero per Sansonna, influenzata, e Gibbemeyer al posto di Chirichella che con Bonifacio, Enright, Plak, Egonu e Skorupa, vanno a completare l’eptetto azzurro. Presente ma non disponibile Piccinini, a riposo precauzionale per un fastidio alla schiena. Risultato finale:  lardini Filottrano 3 – Igor Novara 2  (25-21, 25-22, 24-26, 15-25, 17-15). 
Attilio Mercalli 

Leggi di più sul Corriere di Novara in edicola

OSIMO – Dopo Busto anche Novara viene costretta alla sconfitta al tie break dalla Lardini Filottrano, dimostratasi in casa molto difficile da affrontare ma l’Igor non è stata sicuramente all’altezza del suo nome. Una sconfitta incredibile che brucia: la squadra azzurra, presentatasi nelle Marche in piena emergenza, ha ad un certo punto rischiato anche una più che clamorosa debacle. Barbolini modifica di nuovo la formazione rispetto al match di domenica con Firenze presentando Zannoni libero per Sansonna, influenzata, e Gibbemeyer al posto di Chirichella che con Bonifacio, Enright, Plak, Egonu e Skorupa, vanno a completare l’eptetto azzurro. Presente ma non disponibile Piccinini, a riposo precauzionale per un fastidio alla schiena. Risultato finale:  lardini Filottrano 3 – Igor Novara 2  (25-21, 25-22, 24-26, 15-25, 17-15). 
Attilio Mercalli 

Leggi anche:  Calcio, la sentenza del Tar rimette tutto in discussione

Leggi di più sul Corriere di Novara in edicola