Giro Rosa, dopo il cronoprologo a Verbania si torna nel Verbano Cusio Ossola. Domani l’attesa tappa Omegna-Omegna di 122,6 km.

Giro Rosa, dopo il cronoprologo a Verbania si torna nel Vco

Prima parte morbida, ma a cinquanta all’ora, per il Giro Rosa edizione numero 29, scattato a Verbania con una cronometro a squadre sulla distanza di km 15,5. Una bella festa soprattutto, in attesa delle ultime tappe che prevedono una cronoscalata individuale e due arrivi in salita. In tutto dieci tappe, per 165 concorrenti. Le italiane sono 54, compresa la vicentina Tatiana Guderzo, 33 anni, iridata a Mendrisio nel 2009 e bronzo a Pechino nel 2008. Favorite le olandesi Van Vleuten e Van Dijk, senza dimenticare la veterana Marta Bastianelli e l’ornavassese Elisa Longo Borghini, recente vincitrice della corsa del Mediterraneo. Altri nomi nostrani: Giorgia Bronzini, velocista, due volte iridata su strada, Guderzo, Bertizzolo, Arzuffi, Confalonieri, Ratto, Guarischi ed Elena Cecchini.

Successo del team Sunweb

La prova a cronometro per squadre ha visto il successo del team Sunweb, campione del mondo di specialità in carica, che ha coperto i 15,5 km in 18’24”, volando alla media di 50,5 km all’ora e precedendodi un solo secondo la squadra australiana Michelton Scott condotta da Annemiek Van Vleuten. La squadre inglese Wiggle High5, in cui milita la verbanese Elisa Longo Borghini, ha chiuso in 19’04”, perdendo quindi una trentina di secondi.  Il Giro è intanto ripartito da Ovada offrendo una tappa ideale per le cosiddette ruote veloci. Senza apparenti difficoltà anche le due successive, ovvero Corbetta-Corbetta di km 132 e Piacenza-Piacenza di km 109.

Leggi anche:  118, oltre 80mila gli interventi nel 2017

Domani tappa a Omegna

Domani, martedì 10 luglio, invece, l’attesa Omegna-Omegna, di 122,6 km, rivoluzionata nel suo tracciato, mentre da mercoledì 11 si comincerà a salire con la tappa di Sovico di 114 km, seguita il giorno successivo da una cronoscalata individuale di 15 km con partenza da Lanzada ed arrivo alle Dighe di Campo Moro. Ultima tappa per velociste venerdì 13, mentre sabato 14 si dovrà scalare il temuto Zoncolan salendo da Tricesimo. Domenica 15 la conclusione del Giro Rosa a Cividale del Friuli. In palio anche una maglia blu riservata alla migliore italiana della classifica generale: dopo la cronosquadre l’ha indossata Elena Cecchini, già vincitrice tre volte del titolo italiano su strada.
Sandro Bottelli