Binh Dinh Sa Long Cuong sul podio del campionato del mondo di arti marziali tradizionali vietnamite che si è tenuto a fine agosto in Vietnam. Sono cinque le medaglie conquistate dalla scuola di Romentino che ha schierato tre atleti con i colori della Nazionale italiana. In gara il romentinese Gianluca Colombo di 25 anni che ha conquistato un argento e un bronzo; Sang Belloli di 16 anni, anche lui romentinese, che ha portato a casa tre bronzi; a completare la squadra Leonardo Iomini di 23 anni, in rappresentanza della scuola di Castano Primo, che si è ben comportato senza però arrivare sul podio.

Binh Dinh Sa Long Cuong con la nazionale azzurra

«Un bilancio più che positivo – commenta il maestro Ruggero Biondo, capodelegazione, responsabile nazionale e alla guida della scuola Binh Dinh Sa Long Cuong di Romentino – e un grande onore per noi aver fatto parte della squadra azzurra che ha chiuso la competizione con 7 ori, 10 argenti e 12 bronzi. Il gruppo era composto da 18 atleti di cui tre della nostra scuola. La manifestazione è stata organizzata dal governo del Vietnam per il secondo anno: hanno partecipato 29 Paesi diverse, con delegazioni più o meno numerose. Dall’India al Burkina Faso, dalla Francia e dalla Russia alle nazioni più piccole. Partecipare è stata una grande emozione. I nostri atleti si sono distinti nelle diverse gare, portando a casa risultati importanti che hanno ripagato l’impegno profuso. Sono particolarmente orgoglioso che due ragazzi di un paesino, grazie a un allenamento impegnativo e continuo, sono riusciti a salire sul podio al livello più alto del mondo, in uno sport duro e per il quale tutti i sacrifici e le spese sono a proprio carico».

Romentino adesso punta all’oro

«I tre atleti hanno dimostrato tutto il loro valore tecnico: non hanno niente da invidiare ai colleghi vietnamiti. Si sono allenati con impegno e questo vuol dire che la loro preparazione può portare a esiti ancora migliori. Terminate le gare ci siamo spostati a Ho Ci Minh per alcune sedute di allenamento insieme a maestri anziani di grande valore che hanno insegnato loro tecniche particolari. La nostra scuola ha ben figurato davanti al mondo intero: tra due anni, per il prossimo campionato, ci faremo trovare pronti e potremo puntare anche all’oro». Insieme a Biondo hanno partecipato alla trasferta in Asia gli allenatori Massimo Gullo, Andrea Baldi e Giorgio Fornaroli.
Eleonora Groppetti