Tre appuntamenti al mese per raccogliere le firme dei cittadini. E’ il programma per i prossimi cinque mesi del comitato spontaneo nato a Galliate “Garanzia della sanità nell’Ovest Ticino”.

Comitato, bene la prima uscita a Galliate

La prima uscita pubblica è stata venerdì 8 febbraio al mercato settimanale di Galliate.
«Abbiamo programmato tre uscite pubbliche ogni mese da febbraio a giugno», spiega Enzo Ceruti, tra i promotori del comitato presieduto da Laura Santacroce. «Spiegheremo ai cittadini – continua Ceruti – che vogliamo garantire il mantenimento dei servizi essenziali sul territorio e richiamare l’attenzione delle istituzioni sul tema della sanità». Buono il riscontro della prima uscita al mercato di Galliate, con circa 150 firme raccolte: «Tante persone si sono fermate a chiedere informazioni e a firmare», conclude Ceruti. Analoghe iniziative sono in fase di preparazione anche in altre località dell’Ovest Ticino, che hanno dimostrato sensibilità al tema del mantenimento dei servizi sanitari sul territorio.

Comitato, aperta anche la sede in viale Orelli

Resta nel frattempo sempre aperta il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 15 alle 17 la sede del Comitato in viale Orelli a Galliate. Gli scopi del Comitato, dichiarati nell’atto costitutivo, vanno dal sensibilizzare i cittadini sulle problematiche sanitarie nella zona al promuovere delle azioni per ottenere risposte dalle istituzioni sul tema. L’input era arrivato dalla prevista realizzazione del nuovo ospedale di Novara, la “Città della scienza e della salute”. «Comprendiamo la necessità di avere grandi strutture ospedaliere organizzate a 360 gradi – aveva a suo tempo sottolineato la presidente Santacroce – Tuttavia non va dimenticato che l’ospedale di Galliate resta ancora oggi un punto di riferimento per tutto l’Ovest Ticino. Per questo vorremmo sapere quale sarà il futuro dell’ospedale San Rocco di Galliate. Non vorremmo che finisse dimesso ed inutilizzato come altre strutture».

Leggi anche:  Stabilizzato il Coq di Omegna

Da Galliate a tutto l’Ovest Ticino

L’iniziativa è partita da Galliate ma è aperta anche agli abitanti dei Comuni limitrofi.  Tutti possono aderire, non solo da Galliate ma anche da Cameri, Romentino o Trecate. Sono tra l’altro previsti eventi di sensibilizzazione e il coordinamento con altri comitati ed associazioni che a livello locale, regionale e nazionale perseguono analoghe finalità.

l.pa.