L’ influenza non è finita, la sua «coda» promette di lasciare strascichi. Ancora è presto per cantare vittoria e sentirsi al sicuro, perché gli esperti assicurano che l’impatto di questa malattia andrà avanti ancora per qualche settimana. Il 21 marzo, fatidico giorno dell’inizio della primavera, è ancora lontano. Attenzione dunque: perché chi è riuscito a schivare l’influenza finora non può ancora dire «ce l’ho fatta». In particolare quest’anno, quando la malattia in questione ha colpito più di 6 milioni di italiani (secondo quanto riportato dall’Istituto Superiore di Sanità). E allora serve tutelarsi in quest’ultimo periodo critico. E se sarete costretti a letto è bene farsene una ragione: un po’ di riposo, una «gita» in farmacia e tanta pazienza saranno sicuramente d’aiuto.

Il ruolo dei farmaci

Importante è poi comprendere che i farmaci sono molto importanti ma da soli non possono farvi guarire. Questo si traduce così: spray, compresse e sciroppi sono molto utili per alleviare i sintomi ma soltanto il corretto decorso della malattia vi farà ritornare completamente in forma.
Avanti quindi con antifebbrili, antidolorifici, antistaminici, mucolitici e tanto altro: ma tutti questi non interverranno nella battaglia contro virus e batteri. Il consiglio è dunque quello di non forzare i tempi rientrando al lavoro ma, se possibile, prendetevi una pausa. Sarà davvero fondamentale per la vostra salute, per guarire nel modo giusto e ristabilirsi completamente.

L’ influenza non è finita

Dunque come procedere se l’influenza verrà a bussare al vostro organismo? In primis state tranquilli. Quindi, se non avete già i farmaci in casa, sarà opportuno recuperare in farmacia ciò che può essere utile. E farsi consigliare dal vostro farmacista di fiducia, pronto a dispensare indicazioni intelligenti. Lo stesso vale nel caso della prevenzione: in farmacia sapranno indicare le misure adatte per salvaguardare la vostra salute.

Leggi anche:  Come comportarsi in spiaggia se …

Non fare di testa nostra

Se vi siete ammalati in primis considerate di incrementare la vostra assunzione quotidiana di liquidi. Il vostro problema è il naso che cola con annesso raffreddore? Avanti allora con lavaggi nasali usando la soluzione fisiologica. In parallelo utilizzate oli essenziali balsamici, funzionali per liberare le vie respiratorie. Se siete affetti da febbre ovviamente passate da paracetamolo, ibuprofene e aspirina. Non esagerate con i farmaci, rimettetevi ai consigli e alle dosi del farmacisti: meglio non fare di testa vostra.