Quali sono i benefici degli sport di squadra? Ci sono tanti indicazioni che fanno bene alla salute di chi li pratica, specialmente se stiamo parlando di un bambino o di una bambina.

I benefici degli sport di squadra

Informatevi, perché sul territorio sono numerose le associazioni sportive dove apprenderli! Vincere, perdere, stare insieme, condividere: intorno a questi cardini si costruisce e ruota tutta l’attività degli sport di squadra che i più piccoli possono cominciare dai sei anni in su. A fare la parte del leone, per maschietti e femminucce, sono gli sport che prevedono l’utilizzo del pallone. Ecco alcuni consigli perché i vantaggi derivanti dalla loro pratica siano realmente superiori agli svantaggi.

Pallacanestro

A quale età cominciare? Questo sport può essere intrapreso a partire dagli 8-10 anni. Secondo gli esperti, la pallacanestro è a tutti gli effetti uno degli sport più completi perché stimola tutti i muscoli del corpo sia le braccia che le gambe che gli addominali, le spalle e così via. L’importante è che all’inizio sia effettuate effettivamente con un inquadramento ludico e generale. Nei bambini migliora le capacità anaerobiche e quindi la velocità e la potenza muscolare; essendo uno sport di allungamento, stimola la colonna vertebrale. Le uniche accortezze riguardano i salti ripetuti che potrebbero sovraccaricare colonna e le ginocchia. I rischi di distorsione, viste le modalità di gioco dei bambini, non sono rilevanti.

Leggi anche:  Corso preparto, ecco perché è utile

Volley

Per iniziare in giardino bastano un filo o una rete per cominciare a divertirsi, quindi il minivolley è perfetto già a partire dai dai 6-8 anni. Migliora le capacità anaerobiche, velocità e potenza muscolare. Come il minibasket è benefico per la colonna vertebrale. Agevola la socializzazione. Nei bambini sani nessuna controindicazione. I salti ripetuti potrebbero ripercuotersi sulla colonna o sul ginocchio, ma lo si vedrà… giocando.

Calcio

Le Scuole Calcio accettano iscrizioni dai 6 anni in poi. Il calcio migliora le capacità aerobiche e quindi la resistenza agli sforzi prolungati. Ma soprattutto, come tutti gli sport di squadra, favorisce la socializzazione. Se il bambino è sano non esistono problemi. Per la natura stessa dello sport, tuttavia c’è il rischio di contusioni e, più raramente, distorsioni e fratture.