San Martino di Trecate, le emissioni del polo petrolchimico non hanno impatto significativo sui cittadini. La presentazione dello studio epidemiologico venerdì a Cerano.

San Martino di Trecate, le emissioni del polo petrolchimico non hanno impatto significativo sui cittadini

Sono positivi i risultati dello studio epidemiologico condotto da Arpa Piemonte sulle emissioni del polo petrolchimico di San Martino di Trecate. Gli esiti della ricerca sullo stato di salute della popolazione residente nel comune di Cerano in relazione all’esposizione ad inquinanti ambientali verranno presentati venerdì 19 ottobre alle 20,30 durante un incontro pubblico nella sala Crespi, a Cerano.

«Segnale del buon lavoro che da anni le aziende del polo petrolchimico stanno facendo»

«Prendiamo atto con soddisfazione di questi risultati – commenta il presidente dell’Associazione industriali di Novara, Fabio Ravanelli – che riteniamo costituiscano un importante segnale del buon lavoro che da anni le aziende del polo petrolchimico stanno facendo, anche a tutela dell’ambiente, della salute e della sicurezza della popolazione residente nell’area».«Siamo certi che l’incontro del 19 ottobre – aggiunge – costituirà un’utile occasione di confronto da cui potranno uscire rafforzate quella fiducia e quella collaborazione reciproca tra popolazione, istituzioni e mondo produttivo che sono fondamentali per lo sviluppo del territorio».

Analisi svolte tra agosto e novembre 2017

Realizzato dalla struttura complessa in Epidemiologia e Salute ambientale di Arpa Piemonte, lo studio era finalizzato a individuare e calcolare i rischi per la salute della popolazione in relazione alle emissioni provenienti dal polo industriale di San Martino di Trecate. Concluso a fine marzo 2018, si è basato sull’analisi dei dati storici relativi alla mortalità e alle dimissioni ospedaliere di migliaia di persone e su circa 12mila cicli effettivi di analisi epidemiologiche, complesse e meticolose, svolte tra l’agosto e il novembre 2017, dimostrando che le emissioni del polo petrolchimico non hanno un impatto significativo sui residenti nelle aree a maggiore ricaduta.

Leggi anche:  Confindustria Novara Vercelli Valsesia, approvato all'unanimità il progetto di fusione

La dimensione “pubblica” delle imprese

«Ringrazio – conclude Ravanelli – tutte le aziende del polo petrolchimico di San Martino di Trecate per la sensibilità e la disponibilità che hanno sempre dimostrato, per l’impegno, anche economico, da loro sostenuto per implementare continuamente i parametri di sicurezza interna ed esterna ai loro impianti, e per la crescente attenzione alla dimensione “pubblica” del proprio ruolo, come testimoniato dalle numerose iniziative in essere sul territorio. Si tratta della migliore dimostrazione di quanto le attività produttive possano coniugarsi in modo virtuoso con il rispetto dell’ambiente e della salute di dipendenti e popolazione, in un percorso di crescita condivisa in cui si concretizza nel migliore dei modi il principio della responsabilità sociale del fare impresa».

v.s.

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Corriere di Novara: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!