Novamont lancia la sfida su bioeconomia e circular economy. Call for proposal aperta fino a novembre a centri di ricerca, startup e piccole e medie imprese.

Novamont lancia la sfida su bioeconomia e circular economy

La Novamont lancia la sfida a centri di ricerca, startup e piccole e medie imprese su “circular economy” e “bioeconomia”. Lo fa con una “call for proposal” aperta dallo scorso 21 settembre e fino al 9 novembre che vede come partner dell’iniziativa Cariplo Factory e Intesa Sanpaolo Innovation Center. Due le principali aree di interesse: soluzioni e tecnologie a supporto dei processi industriali e opportunità per l’ampliamento delle filiere della bioeconomia. La prima si concentra su biochimica industriale (tecnologie, materiali e processi innovativi), tecnologie di valorizzazione delle biomasse lignocellulosiche e biomasse agricole (sistemi e tecnologie di precision farming).

Call for proposal aperta fino a novembre

Le opportunità per l’ampliamento delle filiere della bioeconomia si riferiscono invece a nuovi sviluppi e applicazioni per bioplastiche, biolubrificanti, biocosmesi, bioprodotti per il settore alimentare e per la mangimistica per animali. Alla fine saranno selezionati fino a un massimo di 10 progetti che accederanno a un programma di “open innovation” della durata di 4 mesi, guidato da Cariplo Factory e Intesa Sanpaolo Innovation Center e finalizzato a definire le potenziali aree di sinergia con Novamont.

Trace x Novamont

Dopo la prima fase di raccolta delle candidature si procederà con le valutazioni. Entro il 6 dicembre il Comitato di Valutazione di “Trace x Novamont” (questo il nome dell’iniziativa di “open innovation” promossa per sostenere la crescita di progetti innovativi creando sinergie tra l’azienda leader in Italia di questo settore e startup, aziende e progetti di ricerca) selezionerà fino a un massimo di 20 progetti, successivamente esaminati dal Comitato di Valutazione nel corso del “Selection Workshop” che identificherà quelli da avviare alla fase di collaborazione prevista da gennaio a marzo 2019.

Leggi anche:  Capitale europea dei giovani, Novara si candida

Contaminazione di saperi e scambio di conoscenze

La presentazione venerdì scorso a Novara, nella sede di Novamont in via Fauser 8: «Avviare collaborazioni interdisciplinari nell’ambito della bioeconomia e dell’economia circolare significa accelerare il processo innovativo e la generazione di nuove tecnologie – ha spiegato Giulia Gregori, responsabile pianificazione strategica e comunicazione istituzionale di Novamont –  Per questo motivo Novamont, da trent’anni leader mondiale nella produzione di bioplastiche e nello sviluppo di biochemical, aderisce con grande entusiasmo ad ogni occasione utile per catalizzare la contaminazione di saperi e lo scambio di conoscenze. La “call for proposal” nell’ambito del progetto “Trace x Novamont” ci darà la possibilità di collaborare con nuovi soggetti innovatori come pure di  trovare soluzioni innovative funzionali alle nostre attività e alle nostre aree di interesse, dando vita a nuove sinergie industriali».

Filippo Bezio