NOVARA – La visita della delegazione della Provincia di Novara nella Bassa Novarese, delegazione composta dal presidente Matteo Besozzi e dai consiglieri Massimo Bosio (Agricoltura), Giuseppe Cremona (Ambiente) e da alcuni tecnici provinciali, è stata particolarmente significativa.

“I Comuni di Borgolavezzaro, Vespolate e Tornaco sono stati i primi nel Novarese a costituire un’Unione secondo le direttive della Legge Delrio e rappresentano un esempio virtuoso da imitare – commenta Besozzi – Durante l’articolata visita abbiamo conosciuto alcune eccellenze che necessitano una ulteriore valorizzazione, abbiamo inoltre raccolto alcune specifiche richieste da parte delle amministrazioni locali, soprattutto riguardo la sicurezza stradale, il problema delle nutrie e la valorizzazione territoriale e agricola. I tre sindaci Gaudenzio Sarino (Tornaco), Pierluigi Migliavacca (Vespolate) e Annalisa Achilli (Borgolavezzaro) ci hanno accompagnato con grande puntualità in una visita approfondita e proficua, con spunti preziosi che consentiranno una più consapevole programmazione futura”.

NOVARA – La visita della delegazione della Provincia di Novara nella Bassa Novarese, delegazione composta dal presidente Matteo Besozzi e dai consiglieri Massimo Bosio (Agricoltura), Giuseppe Cremona (Ambiente) e da alcuni tecnici provinciali, è stata particolarmente significativa.

“I Comuni di Borgolavezzaro, Vespolate e Tornaco sono stati i primi nel Novarese a costituire un’Unione secondo le direttive della Legge Delrio e rappresentano un esempio virtuoso da imitare – commenta Besozzi – Durante l’articolata visita abbiamo conosciuto alcune eccellenze che necessitano una ulteriore valorizzazione, abbiamo inoltre raccolto alcune specifiche richieste da parte delle amministrazioni locali, soprattutto riguardo la sicurezza stradale, il problema delle nutrie e la valorizzazione territoriale e agricola. I tre sindaci Gaudenzio Sarino (Tornaco), Pierluigi Migliavacca (Vespolate) e Annalisa Achilli (Borgolavezzaro) ci hanno accompagnato con grande puntualità in una visita approfondita e proficua, con spunti preziosi che consentiranno una più consapevole programmazione futura”.

>>> clicca PER VEDERE TUTTE LE IMMAGINI

 

TORNACO

La mattinata è iniziata con la visita al museo etnografico, un’eccellenza di grande valore ma ancora poco conosciuta. Il museo sta avviano progetti in rete con gli altri musei del territorio per iniziative coordinate.

A Vignarello la visita all’agriturismo della frazione ha messo in luce il forte riscontro della struttura che per Expo è già sold out. La proprietà, inoltre, 15 anni fa ha avviato l’impianto di un mirtilleto che dopo alcuni anni si è caratterizzato come una piccola ma molto significativa produzione territoriale, da valorizzare come l’asparago viola, altra specificità locale molto apprezzata.

A Tornaco l’amministrazione sta promuovendo un marchio di denominazione comunale di origine, così come alcuni agricoltori stanno cercando di riproporre una varietà di riso superfino che rischiava di scomparire. Iniziative lodevoli che meritano di essere conosciute.

Leggi anche:  Le bande entrano nelle scuole per far conoscere la musica

Dal sindaco Sarino sono arrivate richieste specifiche riguardo la sicurezza stradale tra Tornaco e Vespolate e sull’edilizia scolastica.

 

VESPOLATE

Prima tappa ai Carabinieri che rappresentano un importantissimo presidio territoriale. Nella Bassa i furti, reato principale, sono in diminuzione sensibile, nonostante la stazione sia sotto organico e svolga spesso attività di supporto all’area di Novara.

L’azienda agricola Rizzotti produce e trasforma riso, poche aziende nel Novarese coprono l’intera filiera e investono in nuove tecnologie di lavorazione. Nella riseria ci ha accolto anche una delegazione di Coldiretti che ha sottolineato alcune esigenze specifiche del settore, raccolte dal consigliere Bosio.

Altro tema importante per Vespolate la rimozione delle polveri da amianto dal sito contaminato al confine con Nibbiola. Il consigliere Giuseppe Cremona ha fatto il punto della situazione, specificando come i lavori siano stati effettuati per due terzi (si attende uno stanziamento regionale per completarli) e come non ci sia alcun pericolo per la popolazione, allo stato attuale degli interventi in atto.

Il sindaco Migliavacca ha poi particolarmente sollecitato il raggiungimento di un piano condiviso con gli agricoltori per il contenimento delle nutrie: la Provincia proporrà un modello che dovrebbe consentire un’azione omogenea in ogni Comune e il contenimento dei costi di incenerimento degli animali. Da lunedì prossimo saranno programmati incontri operativi con i Comuni di ciascuna zona del Novarese.

 

BORGOLAVEZZARO

A Borgolavezzaro la prima tappa è stata alla TecnoGi Spa, azienda che dà lavoro ad oltre 80 persone e che esporta in tutto il mondo materiali per realizzare calzature: un’eccellenza, che non ha la visibilità che meriterebbe.

Successivamente sono state visitate la Casa di riposo Opera Pia Corbetta e la Guardia Forestale, che nonostante le pesanti carenze di organico sovrintende ad una vasta porzione territoriale. Il sindaco Achilli ha ricordato le tante iniziative di alto valore culturale organizzate per la patronale di Santa Giuliana, dal prossimo fine settimana. Poi in un incontro pubblico con la stampa sono state ricordate altre priorità, come il tema della sicurezza stradale della provinciale per Mortara (chiedendo di riprendere il progetto che prevedeva attraversamenti pedonali rialzati e più sicuri) e l’eliminazione dei passaggi a livello che consentirebbero un miglioramento della circolazione con riduzione dei tempi di attesa.

mo.c.