Ancora proteste alla Dsv di San Pietro Mosezzo. La Questura ha denunciato dieci persone per violenza privata e alcune di loro per manifestazione non autorizzata.

Ancora proteste alla Dsv di San Pietro Mosezzo

Non si fermano le proteste alla Dsv, centro logistico in viale delle Industrie a San Pietro Mosezzo. Ieri mattina è stato organizzato dal sindacato Sì Cobas un nuovo blocco delle attività. Presenti a monitorare la manifestazione le Forze dell’Ordine. “Siamo di nuovo qui a lottare per i nostri diritti perché la situazione non solo non è migliorata dopo le proteste che abbiamo già messo in atto – spiegano i rappresentanti dei lavoratori – ma anzi è peggiorata. Ci sono stati cinque licenziamenti, di cui due che hanno riguardato delegati sindacali Sì Cobas, da parte della cooperativa Santa Cristina che lavora sotto il consorzio Seit. Dopo le proteste che abbiamo fatto in precedenza non abbiamo avuto nessuna risposta, non interviene nessuno a fare i controlli. Per questo noi continuiamo a lottare per i nostri diritti”.

Denunciate dieci persone

Il blocco (su entrambi gli accessi) è durato l’intera mattinata e dopo una trattativa senza esito, la Questura ha deciso alle 15 per lo sgombero. L’attività è dunque ripresa quando c’erano una settantina di mezzi in attesa. La Questura ha denunciato dieci persone per violenza privata e alcune di loro per manifestazione non autorizzata.

Leggi anche:  Export novarese, +4,1% nel primo trimestre 2018

Valentina Sarmenghi