Visite teatralizzate, al via percorso formativo gratuito. L’iniziativa di Aurive nell’ambito del progetto “Frontiere urbane”.

Visite teatralizzate, al via percorso formativo gratuito

Inizieranno sabato 10 novembre all’Arengo del Broletto di Novara i workshop formativi per la realizzazione di visite teatralizzate itineranti in vari quartieri della città. E’ un’iniziativa organizzata dalla cooperative Aurive nell’ambito del progetto “Frontiere Urbane” di cui è partner con le associazioni CreAttivi e Re-start, con capofila il Comune di Novara e il sostegno della Compagnia di San Paolo. Obiettivo del progetto è mettere in contatto centro storico e periferie valorizzandone il patrimonio culturale.

“Un servizio innovativo”

“Questo percorso formativo gratuito – ha commentato l’assessore alla Cultura Emilio Iodice oggi alla presentazione a Palazzo Cabrino – oltre a qualificare sul piano professionale i partecipanti consentirà loro di poter offrire un servizio innovativo per quanto riguarda la presentazione di un bene culturale in modo interattivo, adatto a rispondere sia alle esigenze di un pubblico culturalmente preparato, sia anche a chi ha vere e proprie esigenze didattiche”.

La cultura in modo coinvolgente e ironico

Ma che cos’è una visita teatralizzata? Lo ha spiegato il responsabile di Aurive Luca Martelli: “Si tratta di una modalità di visita coinvolgente, dinamica e ironica con durata breve, al massimo 25 minuti. Sono visite che possono essere costruite in modo diverso ad esempio come una performance teatrale oppure con intrattenimento intervallato dagli interventi di una guida”.

Workshop con un approccio informale

Per formare coloro che animeranno queste visite è stato pensato un percorso formativo che andrà appunto da novembre fino ad aprile 2019. “Sono workshop professionalizzanti basati sul metodo dell’imparare facendo e su un approccio informale – ha continuato Martelli –  tenuti da docenti e attori esperti. Al termine dei 6-8 workshop il percorso formativo si concluderà con un contest in cui verranno presentate le nuove proposte di visita teatralizzata da inserire nella programmazione di “Frontiere urbane” per l’estate-autunno del 2019″.

Leggi anche:  Novara e la cultura, parla il ministro Bonisoli

L’importante è essere motivati

“Ci rivolgiamo a persone di tutte le età purché siano molto motivate – ha specificato ancora Martelli – Possono essere studenti, rappresentanti di associazioni, operatori culturali e turistici o semplici cittadini. Per fare domanda di partecipazione basta compilare il modulo che si trova sul sito aurive.it e inviarcelo per posta elettronica entro il 3 novembre. Noi poi manderemo a chi ha fatto domanda un questionario per capire quali sono i giorni e gli orari migliori in cui organizzare gli incontri”.

Incontri in centro e nelle periferie

Incontri che non si terranno solo al Broletto ma saranno anch’essi itineranti per i quartieri per dar modo ai partecipanti di conoscere tutte le realtà interessate dal progetto: beni culturali del Centro e quartieri di Sant’Agabio, Rizzottaglia e Sant’Andrea. Avranno una durata di 3 ore ciascuno e potranno essere frequentati da una trentina di persone. “Ma qualora ci fosse più richiesta siamo disposti ad aumentare i workshop” ha assicurato Martelli. Per informazioni oltre al sito si può scrivere a info@aurive.it.

Valentina Sarmenghi

 

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Corriere di Novara: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!