Macugnaga, la “Perla del Rosa” è pronta ad ospitare sabato, 4 agosto, la quarta edizione di Vette d’Artificio. Quest’anno l’intera giornata dell’evento è arricchita da una serie di manifestazioni collaterali che coinvolgeranno tutte le frazioni del Comune. In ogni località, dalle ore 10.00 alle ore 18.30, saranno presenti bancarelle con prodotti tipici della Valle Anzasca e spaccati della vita di un tempo. Sarà attivato anche un servizio bus navetta gratuito che collegherà tutte le frazioni.

Vette d’artificio, tanti appuntamenti

Da Pestarena l’antico paese dell’oro, a Fornarelli e Borca gli antichi mestieri di Macugnaga con esposizione di attrezzi per la lavorazione del legno e dei minerali del Monte Rosa. Possibilità di visitare, con biglietto di ingresso ridotto, la Miniera d’oro della Guja e il Museo Casa Walser. A Staffa, apertura del Museo della Montagna e del Contrabbando e bancarelle con esposizione di prodotti tipici e Delizie della Valle Anzasca. Dimostrazione ed esposizione di sculture in legno e sasso e di oggetti in rame battuto a mano. All’antico Dorf: panificazione e cottura del pane nel forno a legna frazionale e distribuzione di pane di segale e pane dolce walser poi al pomeriggio “Mani in pasta”, attività e laboratori didattici per bambini, esperienza di altri tempi: di piccoli mugnai, e preparazione di morbidi impasti e cuocere pagnotte nel forno walser.

Aperitivo in quota: dalle ore 17.00, possibilità di salire in funivia ai tremila metri del Passo del Moro oppure in seggiovia al Belvedere, al limitar del ghiacciaio, e prendere l’aperitivo ammirando la magnifica visione della parte Est del Monte Rosa. A/R e aperitivo, prezzo speciale 10 euro.

Leggi anche:  Premio letterario Provincia Cronica, due novaresi vincono la decima edizione

Per tutto il giorno funzionerà il servizio di ristorazione con griglieria e specialità walser del Palatenda a Pecetto.

Lo spettacolo pirotecnico e musicale è previsto per le ore 22.30.
Ma “Vette d’artificio” questa estate propone ancora due appuntamenti: sabato 11 agosto a San Domenico di Varzo e martedì 14 agosto a Santa Maria Maggiore.

Eraldo Guglielmetti