La Canonica, il centro culturale d’arte festeggia i 40 anni con una mostra all’Arengo del Broletto dal 10 novembre.

La Canonica, il centro culturale d’arte festeggia i 40 anni con una mostra

Il prossimo 10 novembre alle 16.30 all’Arengo del Broletto a Novara sarà inaugurata una mostra per festeggiare i 40 anni del Centro culturale d’arte La Canonica. Grazie alla collaborazione del Comune di Novara l’esposizione offrirà ai visitatori l’occasione di apprezzare quasi 100 opere degli attuali soci e di quelli scomparsi. Di particolare importanza i dipinti dei maestri novaresi del primo 900: Sergio Bonfantini, Stefano Gorla, Aldo Paolini, Osvaldo Provvidone, Luigi Roncaglia, Umberto Bonzanini e molti altri.

Riconoscimenti ai soci più anziani e concerto di musica classica

Apriranno l’evento la presidente Rossella Lombardi, il sindaco Alessandro Canelli e i giornalisti e critici d’arte Enzo De Paoli e Emiliana Mongiat. In questa occasione sarà conferito un riconoscimento ai tre soci più anziani: Sandra Jetti Bonomo, Edoardo Torre e Italo Zanellato. Questa prima parte del vernissage sarà coordinata da Miriam Giustizieri. A conclusione degli interventi l’Orchestra Ensemble Classique del Civico Istituto Musicale Brera di Novara eseguirà alcuni brani di musica classica. La mostra sarà visitabile fino al 21 novembre (orario martedì venerdì 9-12.30 e 14-19, sabato e domenica 10-19, lunedì chiuso).

Leggi anche:  Aggressione al Ryan's, trovati e denunciati i responsabili

“Il centro ha valorizzato l’arte del nostro territorio”

Il sindaco Alessandro Canelli e l’assessore alla Cultura Emilio Iodice durante la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa hanno evidenziato “il merito che il Centro culturale d’arte “La Canonica” ha avuto in questi quarant’anni. Mettendo a disposizione i propri spazi espositivi, questa preziosa realtà novarese ha contribuito alla valorizzazione dell’arte del nostro territorio. Gli artisti che hanno “vissuto” il Centro culturale, come fondatori o anche come semplici amici e sostenitori, hanno trovato in questa sede un modo per farsi conoscere e per far conoscere la vivacità creativa della nostra città ed è proprio per questo che l’Amministrazione ha voluto patrocinare e collaborare alla mostra legata all’importante ricorrenza”.

v.s.