Beata Panacea, nel 650° anniversario della nascita della patrona di Ghemme, della Valsesia e di Quarona, si terrà quest’anno la quinta traslazione delle reliquie. Le precedenti risalgono al 1962, al 1968, al 1983 e al 2000. La Parrocchia di Ghemme ha organizzato un ricco programma. Lunedì 10 settembre alle 15 la discesa della Beata Panacea dallo scurolo, realizzato da Alessandro Antonelli, sull’altare della chiesa parrocchiale. Martedì alle 20.45 in chiesa parrocchiale la proiezione dei filmati sui precedenti trasporti della Beata Panacea. Mercoledì 12 alle 20.45 sul sagrato la veglia di preghiera sul tema dell’accoglienza e dei migranti. Giovedì 13 la Giornata dedicata ai giovani. Venerdì 14 alle 16.30 in chiesa parrocchiale la Giornata Lourdiana per ammalati, ospiti della casa di riposo e anziani; seguirà la messa con i gruppi Oftal della zona.

Beata Panacea, reliquie in processione

Sabato 15 alle 8.30 in chiesa parrocchiale le lodi. Seguirà la processione per accompagnare le reliquie della Beata Panacea all’inizio al paese, al Mulino dei prati, dove verrà affidata ai quaronesi. Una volta partita da Ghemme, con sosta nelle Parrocchie lungo il percorso, l’urna raggiungerà Quarona accompagnata da don Piero Villa e dagli amministratori di Ghemme. Alle 17.30, la messa solenne celebrata dal Vescovo di Novara monsignor Franco Giulio Brambilla. Dal 16 al 23 settembre l’urna della Beata Panacea sarà custodita nella Chiesa di Sant’Antonio Abate di Quarona per le adorazioni della comunità. Domenica 16 settembre alle 20.30 la solenne processione. Venerdì 21 alle 10.30 la messa solenne concelebrata dai parroci dell’Unità Pastorale della Bassa Sesia. Domenica 23 settembre alle 16 a Ghemme il rito dell’accoglienza della Beata Panacea di ritorno da Quarona. Mercoledì 26 alle 16 la risalita della Beata allo scurolo e la messa a conclusione della traslazione.

Beata Panacea, una storia di indifferenza e mancanza d’amore

Per conoscere meglio la vita della Beata Panacea, sabato 22 settembre dalle 15 sarà di scena uno spettacolo itinerante nei cortili del castello. La Beata Panacea de’ Muzzi nacque a Quarona nel 1368. Venne uccisa dalla matrigna nel 1383 sul monte Tucri. Il suo corpo fu trasportato a Ghemme per essere sepolto accanto a quello della madre. Le reliquie sono conservate nello scurolo della chiesa di Ghemme. La Beata Panacea è la patrona della Valsesia. Il culto ricevette conferma papale nel 1867, ma già nel 1400 vennero edificati due oratori in sua memoria: la Beata al Monte sul luogo del martirio e la Beata al Piano in paese.
Paolo Usellini