Ora il campo sportivo di Cameriano dove si allena la Csrc Cooperativa sportiva di resistenza calcistica Cuore 1990 è dedicato a ‘Ricky’ Riccardo Ardizio, il calciatore novarese di 23 anni stroncato da un malore in campo durante un allenamento, a fine agosto. Giovedì sera, sul campo del Torrion Quartara a Novara, la Pro Calcio Torrion Quartara 1990 ha consegnato la targa alla Csrc Cuore 1990, squadra in cui giocava Riccardo.

Una targa per Riccardo Ardizio e il gemellaggio

«Ringraziamo la Pro Calcio per questo dono, nato dall’idea del suo presidente Claudio Salvoni», dice il presidente della Csrc Cuore Pierpaolo Gatti. Le due squadre, che militano nel campionato Aics Amatori provinciale di Novara, hanno anche sancito il loro gemellaggio poiché accomunate dallo stesso anno di fondazione. Lo scambio dei gagliardetti e la consegna della targa dedicata a ‘Ricky’ Riccardo Ardizio prima del fischio d’inizio della partita della terza giornata di campionato (nella foto di Antonio Pantaleo), finita poi in parità 2 a 2.

«Vicinanza e affetto nel ricordo di Ricky»

«Da quando è accaduta quella tragedia – ricorda Gatti – tutte le squadre che abbiamo incontrato ci hanno dimostrato, e continuano a farlo, vicinanza e affetto. Ringraziamo tutti di cuore», dice il presidente.
Riccardo Ardizio aveva perso prematuramente entrambi i genitori ma lui guardava alla vita con fiducia. Lavorava in un centro medico cittadino e aveva appena acceso un mutuo per comprarsi casa. E’ morto mentre si allenava con la sua squadra di calcio: dopo essersi sentito male sul campo di Cameriano, martedì sera 28 agosto, la corsa in ospedale che purtroppo si è rivelata vana: Ricky è morto poco dopo il ricovero. La sua scomparsa ha destato profondo cordoglio in tutta Novara.
Arianna Martelli