Ubriaco sull’autostrada a zig zag con il tir. L’autista ucraino di 47 anni viaggiava anche di domenica.

Ubriaco sull’autostrada a zig zag con il tir

Intensa attività di controllo della Polstrada finalizzata al contrasto della guida sotto l’influenza dell’alcool. Secondo quanto reso noto, nei giorni scorsi, le pattuglie della Polizia Stradale in servizio di vigilanza sull’autostrada A4 Torino – Milano, “hanno sottoposto a controllo numerosi conducenti di autovetture e veicoli commerciali, al fine di contrastare il fenomeno della guida sotto l’influenza dell’alcool per garantire la sicurezza stradale di tutti coloro che percorrono l’importante arteria”.
Cinque conducenti sono stati sanzionati con il conseguente immediato ritiro della patente di guida e, fra questi, tre sono anche stati segnalati alle competenti autorità giudiziarie per le violazioni a carattere penale previste in caso di tasso alcolemico superiore a 0,80g/l.

Controlli della Polstrada

In particolare, tra i vari fermati spicca la vicenda di un autista di nazionalità ucraina di 47 anni, trovato in stato di evidente ebbrezza, sorpreso alla guida di un automezzo pesante superiore a 3,5 t. mentre, alle 15 di domenica scorsa, percorreva “zigzagando” la carreggiata, in direzione Milano, dell’autostrada A/4. La pattuglia della Polstrada della sottosezione di Novara Est riusciva a fermarlo. Poiché da subito l’autista “mostrava evidenti sintomatologie riferite all’assunzione di sostanze alcoliche”, veniva sottoposto ad accertamento con etilometro. A seguito dell’accertamento emergeva un tasso alcolemico di 2,89 g/l., nonostante “che per la categoria dei conducenti professionali il tasso consentito debba essere pari a zero”.

Leggi anche:  Incidente sulla Strada provinciale 32

Denuncia, revoca della patente e sequestro del mezzo

A seguito di quanto accertato l’uomo veniva denunciato in stato di libertà all’autorità giudiziaria. “Per tale infrazione, è prevista altresì la revoca della patente di guida ed il sequestro dell’automezzo pesante, finalizzata alla confisca”. Il conducente ucraino è stato inoltre “sanzionato amministrativamente per aver circolato in ore e giorni di divieto fissati dall’apposito calendario”.
m.d.