Smaltimento illecito di rifiuti, tre sequestri penali nell’Alto Novarese effettuati dai Carabinieri Forestale durante l’attività di controllo.

Smaltimento illecito di rifiuti, tre sequestri penali nell’Alto Novarese

Per prevenire le attività di smaltimento illecito di rifiuti, il Gruppo di Novara dei Carabinieri Forestale ha avviato una campagna di controlli su cantieri ed impianti di gestione di rifiuti, in particolare nell’Alto Novarese. L’attività di controllo ha condotto in questo mese di luglio ad effettuare un totale di tre sequestri penali ed un numero equivalente di denunce all’Autorità giudiziaria.

Un cantiere edile nel Comune di Arona

Il primo caso è stato registrato il 4 luglio ed ha portato a sottoporre a sequestro un cantiere nel territorio del Comune di Arona. Il cantiere era stato avviato per la realizzazione di interventi di edilizia residenziale privata.

In una ditta di Castelletto Ticino

L’11 luglio i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Gozzano e di Nebbiuno hanno effettuato un controllo in una ditta operante nel campo della frantumazione e trattamento di materiale inerte a Castelletto Ticino. Qui hanno trovato un significativo quantitativo di prodotto realizzato in difformità alla normativa vigente e, quindi, da classificarsi quale rifiuto. Sono pertanto stati sottoposti a sequestro d’iniziativa circa 2.000 mc. di terre e rifiuti da demolizione. Per i fatti è stato segnalato all’Autorità giudiziaria un cittadino italiano.

Leggi anche:  Furti di piante nel Parco del Ticino a Trecate, blitz della Polizia locale

A Paruzzaro sequestrati 11.000 mc. di terre e materiale da demolizione

Infine, il 16 luglio, a Paruzzaro, in un altro cantiere per la realizzazione di un immobile da destinare a finalità produttiva, sono stati rinvenuti e sequestrati 11.000 mc. di terre e materiale da demolizione. Il materiale non era trattato in conformità alla normativa vigente e, quindi, da classificarsi quale rifiuto. Tutti i sequestri sono stati convalidati dall’Autorità giudiziaria competente ed un totale di tre persone, una per ogni accertamento, sono state denunciate per il reato di gestione illecita di rifiuti.

A difesa dell’ambiente e dell’economia del territorio

“L’area dei laghi dell’Alto Novarese, come dimostrano anche i recenti fatti di cronaca, è talora soggetta ad atti che vanno a detrimento del suo inestimabile patrimonio ambientale – sottolineano i Carabinieri Forestale. – La nostra attenzione viene mantenuta sempre ad un livello molto alto al fine di contrastare ogni azione di aggressione  a danno dell’ambiente ed, in ultima istanza, anche dell’economia del territorio”.

v.s.