Sgominata banda di ladri di opere d’arte che effettuavano furti su commissione in dimore storiche del Verbano.

Sgominata banda di ladri di opere d’arte nelle ville

Scoperti e denunciati i responsabili di quattro furti su commissione in villa storiche del Verbano. Recuperato il bottino: mobili, suppellettili e, soprattutto, una decina di tele dell’800 e del ‘900 di grande pregio artistico e corrispondente valore commerciale. Per mostrate la refurtiva recuperata ai media locali, lunedì 25, i comandanti della stazione di Stresa, luogotenente James Lui, e della compagnia di Verbania, Giuseppe Talamo, hanno scelto una cornice insolita: l’hotel La Palma.

Alcuni dipinti già acquistati

Dei dipinti stavano per essere venduti al migliore offerente da una casa d’aste di Genova. Un altro era già stato acquistato da un noto imprenditore di Sassari che l’aveva esposto in casa sua. Un quarto è stato recuperato a Varese.  Perquisizioni domiciliari sono state effettuate a Varese, Genova, Sassari e Brescia. Qui sono stati rinvenuti mobili e oggetti preziosi del valore di 25 mila euro spariti da una villa di Baveno. La stima degli altri beni recuperati è tra i 45 e i 55 mila euro.
Una curiosità. Tra la refurtiva recuperata, anche i “pappagalli”, i quadri ornamentali sopra una porta della villa di Baveno nella quale, nel 2010, erano state girate alcune scene della fiction tv con Gigi Proietti “Il signore della truffa”.

Leggi anche:  Spacciavano droga a Baveno, denunciati dai Carabinieri

Indagini ancora in corso

Numero ed identità delle persone coinvolte rimangono riservati, le indagini sono ancora in corso. Si tratta comunque di individui non residenti sul territorio. A condurre le indagini, coordinate dalla procura della repubblica di Verbania, sono stati i carabinieri della stazione di Stresa, essendo le ville derubate tutte sul territorio di loro competenza, in collaborazione con i colleghi della compagnia di Verbania e i Nuclei di tutela del patrimonio artistico dell’arma.

Perquisizioni domiciliari a Varese, Genova, Sassari e Brescia

A Genova si trovavano due opere di Giuseppe Bertini, pittore e decoratore noto tra l’altro per le vetrate del Duomo di Milano. A Varese un dipinto in gessetto di autore ignoto: una donna con bambino dei primi del ‘900, valore stimato tra i 5 e i 6 mila euro. In casa dell’imprenditore di Sassari è stata sequestrata “La fanciulla seduta con tutù azzurro”, risalente ad inizio ‘900, che l’acquirente aveva comperato dopo il restauro successivo al furto, quotata sul mercato dell’arte tra i 7 e gli 8 mila euro.
m.r.