Incendio in villa a Nebbiuno, muore una donna. I Vigili del fuoco arrivati per spegnere le fiamme hanno trovato il cadavere.

Incendio in villa a Nebbiuno, muore una donna

In una villa che guarda il lago a Nebbiuno ieri ha perso la vita una donna in un incendio, forse avvelenata dal fumo. Larissa Alexsandroskaia, 79 anni, di origine russa, una pensionata residente in paese, è stata trovata morta al piano terra della sua abitazione, una casa unifamiliare, in una zona del paese tranquilla e riservata al di sotto del centro abitato, tra villette e stradine sterrate. In una di queste, in via Valcabbia, zona case sparse, i Vigili del Fuoco del distaccamento di Arona Mercurago hanno ritrovato il corpo esanime della poveretta riverso a terra nella sua camera da letto. Forse si è accorta di quello che stava avvenendo, ma nel tentativo di uscire non ce l’ha fatta. Talmente saturo di sostanze tossiche l’ambiente che non le ha lasciato scampo.

vigili del fuoco incendio nebbiuno

Solo tanto fumo

Un incendio senza fiamme, solo fumo. E’ quello che hanno visto uscire dalle finestre i vicini della donna, i primi ad allertare i soccorsi intorno alle 9.10 di ieri mattina con la consapevolezza che forse all’interno dell’abitazione c’era una persona. Nonostante la zona non di così facile raggiungimento, tra strade strette e vegetazione incolta al di sotto della strada che sovrasta l’autostrada, i Vigili del fuoco sono arrivati subito: alle 9,30 erano già sul posto insieme ai carabinieri della stazione di Lesa giunti poco dopo e gli agenti del Corpo di Polizia locale dell’Unione Montana dei Due Laghi. Quando però i soccorsi sono arrivati, con i locali invasi dal fumo, la donna era già morta, a nulla è valso neppure l’intervento dell’automedica da Gravellona Toce e l’ambulanza del 118.
Maria Nausica Bucci