Giovane calciatore picchiato da tre avversari. Sulla vicenda indagano i militari della Stazione di Gozzano dove il padre del 14enne ha presentato denuncia.

Giovane calciatore picchiato da tre avversari

Indagano i carabinieri su un grave episodio di violenza che ha visto un giovane calciatore picchiato da tre avversari. L’episodio è accaduto su un campo di calcio domenica a Gargallo. Al termine della gara tra il Gozzano e il Borgosesia, valevole per il campionato della categoria Giovanissimi Regionali girone A, un calciatore 14enne del Gozzano sarebbe stato aggredito da tre giocatori della squadra avversaria con calci e pugni e anche da un dirigente del Borgosesia, un cinquantenne che si trovava in campo.

Indagano i militari della Stazione di Gozzano

Sulla vicenda indagano i militari della Stazione di Gozzano dove il padre del giocatore 14enne ha presentato denuncia nei confronti dei tre minori e del maggiorenne per lesioni. Domenica mattina al termine della partita finita 2-1 a favore del Gozzano è, infatti, avvenuta una rissa in campo. A farne le spese il 14enne, aggredito, sembra da tre avversari suoi coetanei. Nel concitato dopo gara vi sarebbe stato anche l’intervento del tesserato della società sesiana ma anche di dirigenti gozzanesi. Il comunicato emesso ieri dal Comitato regionale piemontese Fgci – Nld cita, infatti, quattro squalifiche: due dirigenti, uno per squadra e quattro calciatori, due per società.

Leggi anche:  Straniero fermato con più di 10 grammi di marijuana

«Un episodio isolato»

Sull’episodio abbiamo sentito il responsabile del settore giovanile del Gozzano Gianluca Minniti che ha stigmatizzato quanto accaduto: «Si tratta fortunatamente di un episodio isolato che ci auguriamo non si ripeta mai più. I presidenti delle due società si sono sentiti tra loro e hanno stigmatizzato certi comportamenti. Tra Gozzano e Borgosesia non vi sono ruggini e rancori. Non ero a conoscenza della denuncia. Ne prendo atto. Si tratta di una decisione del singolo genitore e noi rispettiamo le indagini delle Forze dell’ordine. Posso dire che mi è stato riferito che quando è scoppiata la rissa, i genitori dei calciatori del Borgosesia coinvolti hanno cercato di farli desistere portandoli via. Inoltre hanno cercato di fermare l’intervento del loro dirigente».

Squalificati in quattro

Il comunicato della Figc però vede squalificato anche un dirigente del Gozzano. Come commenta? «Il nostro dirigente è intervenuto  per fare da paciere. L’arbitro ha stilato un rapporto in base a ciò che ha visto. Siamo rispettosi degli organi federali. Leggeremo con attenzione. Quello che vorrei ribadire è che certi comportamenti non hanno nulla a che fare con lo sport».
m.d.