Crollo del ponte Morandi, ancora nessuna notizia della famiglia di Oleggio. Il sindaco Marcassa: “La speranza del ritrovamento c’è”.

Crollo del ponte Morandi, ancora nessuna notizia della famiglia di Oleggio

Ancora nessuna notizia di Cristian, Dawna e della piccola Crystal svaniti nel nulla a Genova pochi attimi prima del crollo del ponte Morandi, Oleggio continua a sperare. La famiglia Cecala era partita martedì mattina per raggiungere l’isola d’Elba, sui social qualcuno ricorda l’entusiasmo della piccola. “Domani parto e vado in vacanza con mamma e papà”. L’ultimo contatto martedì in tarda mattinata, poi un telefono che squilla a vuoto, il traghetto per raggiungere la loro destinazione mai preso. A cercarli tra gli ospedali del capoluogo ligure il fratello di Cristian, Antonio, il cui appello è stato accolto anche da SkyTG 24 e la notizia è giunta in città mercoledì mattina.

Cristian, Dawna e la piccola Crystal dispersi

Insieme al fratello Antonio, Cristian Cecala ha una piccola azienda edile in via Bedisco, vive con la moglie Dawna di origine giamaicana e la piccola Crystal di nove anni, piccola atleta dell’Asd ginnastica twirling Oleggio. Ora vicino alla loro abitazione regna il silenzio. “Nessuno alza lo sguardo – scrivono sui social – tutti aspettano la notizia di una voce, un segno che dia speranze. Tornate vi aspettiamo”.

Leggi anche:  Controlli antidroga dei Carabinieri all’istituto alberghiero di Stresa

Il sindaco: “La speranza del ritrovamento c’è”

In contatto con la Prefettura e con Genova anche il sindaco della città Massimo Marcassa: “Non abbiamo ricevuto notizie ufficiali del ritrovamento per ora – commenta – i loro nomi al momento restano nella lista dei dispersi. Restiamo pronti per partire in qualsiasi momento per presenziare ai funerali di Stato, che si svolgeranno domani, qualora la loro auto dovesse essere ritrovata. Resteremo disponili per aiutare i famigliari che hanno già espresso la volontà di celebrare le esequie a Oleggio. La speranza del ritrovamento c’è anche se il tempo passato dal crollo è davvero tanto”.
Silvia Biasio