Chiusura Ss 34: si saprà soltanto lunedì 1° ottobre se i mezzi con carico superiore alle 24 tonnellate potranno transitare sul ponte di Traffiume da e per il confine di stato con Brissago nel Canton Ticino. Dipenderà dalla relazione tecnica che consegnerà il professionista incaricato dal Comune di Cannobio. Le prove di carico sono state effettuate giovedì 27.  «Solo quando avremo in mano la relazione dell’ingegnere – conferma il sindaco Giandomenico Albertella – decideremo se concedere, su richiesta, eccezioni alla portata massima prevista delle 24 tonnellate».

Ss 34, il limite contestato

Il limite era stato contestato da Confartigianato Piemonte Orientale. Il direttore Amleto Impaloni aveva sollecitato un incontro urgente in Prefettura, svoltosi martedì 25. «Nella riunione – dichiara Impaloni –, si è convenuto di valutare, stante le condizioni di sicurezza, la concessione di deroghe per fasce orarie affinchè possano circolare anche i mezzi più pesanti». Una ricostruzione contestata da Albertella: «L’incontro era già in calendario prima che lo chiedessero loro. Serviva concordare il da farsi con le forze dell’ordine, gli altri comuni attraversati dalla statale, tutte le associazioni di categoria operanti sul territorio invitate al pari di Confartigianato. Il prefetto era già al corrente della situazione».

«Siamo grati al Prefetto – commenta Impaloni – . Ci ha chiesto di raccogliere le esigenze delle imprese interessate a trasporti superiori alle 24 tonnellate di massa complessiva a pieno carico. Invitiamo le imprese a segnalare le loro esigenze alle sedi di Confartigianato».

Leggi anche:  Tre giovani denunciati per danneggiamento aggravato