Carabinieri, sei arresti e sei denunce, per spaccio di droga, furto, rapina e maltrattamenti in famiglia. Importanti risultati delle attività di contrasto alla criminalità degli ultimi giorni.

Carabinieri, sei arresti e sei denunce

carabinieri arresti denunceSei arresti e sei denunce è il bilancio degli ultimi giorni di controlli dei Carabinieri impegnati nel contrasto della criminalità. Un uomo – classe 1978, nato in Marocco e residente a Novara, già noto alle forze dell’ordine – è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Novara per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. Perquisito, è stato trovato con otto involucri in cellophane contenenti cocaina e soldi in contanti. Arrestato anche un minorenne residente in provincia trovato con sostanze stupefacenti divise in dosi, un bilancino di precisione e soldi in contanti provenienti da attività illecita.
In manette anche un residente di Cameri, classe 1973, trovato in possesso di sostanze stupefacenti divise in dosi, di due bilancini di precisione e con 1.220 euro in banconote di vario taglio. Nell’ambito della stessa operazione, condotta dai carabinieri della stazione di Cameri, è stata anche denunciata una persona per favoreggiamento nei confronti dell’arrestato.

Evasione dagli arresti domiciliari

I carabinieri della stazione di Momo hanno inoltre arrestato per evasione un uomo, classe 1949. E’ stato sorpreso a Suno dopo aver infranto la restrizione degli arresti domiciliari.
I carabinieri della stazione di Trecate hanno arrestato due persone. Sono un uomo, classe 1947, residente a Trecate, già noto alle forze dell’ordine, ai domiciliari deve scontare tre mesi di reclusione per minaccia e porto abusivo di armi. Domiciliari anche per una donna classe 1975, residente in Cerano, condannata a un anno di reclusione con l’accusa di simulazione di reato e favoreggiamento.

Leggi anche:  Auto si schianta contro un albero a Cameri

Maltrattamenti in famiglia

carabinieri arresti denunceI maltrattamenti in famiglia, a danno della ex convivente, si ripetevano da anni. L’uomo, classe 1983, residente a Galliate, pregiudicato, aveva ottenuto la misura alternativa dell’affidamento in prova che tuttavia aveva violato. Revocata dal Magistrato di Sorveglianza, è stato arrestato dai carabinieri di Galliate e portato in carcere a Novara.
Le indagini dei carabinieri di Vespolate hanno invece consentito di individuare la donna che aveva tentato di rubare abiti dal valore di 70 euro da un negozio di Novara. Fermata dagli addetti alla sicurezza con la merce all’uscita dell’esercizio commerciale, è stata denunciata per furto.

Rapina nel parco di via Gibellini a Novara

Dovrà invece rispondere di rapina la persona di nazionalità marocchina che una sera di fine marzo, nel parco comunale di via Gibellini a Novara, aveva aggredito e derubato un giovane straniero. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile lo hanno rintracciato sulla base delle indicazioni fornite dalla vittima e delle successive indagini avviate.

Sono stati infine denunciate dai carabinieri della stazione di Cameriano tre persone di nazionalità rumena, in Italia senza fissa dimora. Si aggiravano, venerdì 6 aprile, per Biandrate cercando di vendere set di coltelli pur non avendo la licenza per farlo.
ari.mar.