Lunedì pomeriggio a Pisano l’ultimo saluto al sindaco Pasquale Mazzola, scomparso prematuramente per malattia a 55 anni.

Sindaco di Pisano, l’addio commosso

Una grave perdita che ha commosso tutto il Vergante. Tantissima gente si è stretta attorno ai familiari: la chiesa non è riuscita a contenere tutti. Oltre 25 i sindaci presenti, insieme ai rappresentanti delle istituzioni di ogni ordine e grado, associazioni del Vergante e delle forze armate. Tanti i ricordi e l’affetto verso chi, negli anni, ha saputo trasmettere l’amore per la propria comunità, per i bambini in particolare. Mazzola infatti non ha voluto fiori ma offerte per le scuole dell’infanzia e della primaria.

Sindaco Mazzola, «era fedele nel suo servizio»

«Era fedele nel suo servizio, attento non alle grandi ma alle piccole opere di cui la comunità aveva bisogno», ha detto durante l’omelia don Arnaldo Giulini. «Un amministratore con la A maiuscola. I cittadini possono essere orgogliosi di aver avuto un sindaco come lui», ha sottolineato Elis Piaterra, presidente dell’Unione dei due Laghi e sindaco di Nebbiuno. Sarà ora il vice sindaco Massimo Iatrino a guidare Pisano fino alle elezioni amministrative di maggio. Sulla bara di Mazzola il tesserino della Protezione civile, il tricolore e i simboli della sua vita professionale da luogotenente maresciallo. A una manciata di passi, le bandiere a mezza asta del Municipio, a ricordare il lutto cittadino.

Leggi anche:  Scontro frontale: donna in Rianimazione

Maria Nausica Bucci