Addio al pittore Carlo Monti: ieri i funerali

Addio al pittore Carlo Monti: ieri mattina era gremita la chiesa di Santa Maria, ad Arona, per il funerale dell’artista, morto sabato a 90 anni. Con i suoi quadri si è fatto conoscere a livello internazionale, senza dimenticare le origini e la città nella quale con passione insegnava: nella sua “bottega”, come amava chiamare lo studio di via San Carlo, o nelle aule dell’università delle Tre Età dove fino allo scorso anno è stato docente. Toccanti parole di Sonia Carli, vice presidente di “Arte ad Arona”, lette durante i funerali per omaggiare il maestro Carlo Monti.

«Mancherà la sua arte e il suo essere un gentleman d’altri tempi»

Lunga e interessante la sua carriera: si è formato all’Accademia di Brera e nello studio dell’amico Gianfilippo Usellini, affermandosi negli anni ‘50 in una serie di personali ottenendo successi di critica e alla quadriennale nazionale di Roma. Lascia la moglie Grazia, con i figli Emanuele, Francesco e Federico, il vice sindaco della città. «Perdiamo un grandissimo pittore, un insegnante di generazioni di artisti, una bravissima persona. Mancherà la sua arte e il suo essere un gentleman d’altri tempi», il ricordo del sindaco Alberto Gusmeroli.

Carlo Monti “Aronese dell’Anno”

L’Amministrazione comunale lo scorso marzo gli aveva conferito il premio “Aronese dell’Anno”. La sua forma espressiva più caratteristica era il paesaggio, ma anche interni con finestre e ritratti. Da lui tanti aronesi hanno imparato l’arte del dipingere. A chi si voleva avvicinare al mondo della pittura consigliava: «Lavorare, lavorare continuamente. Si dovrebbe dormire con vicino la tavolozza».
Maria Nausica Bucci