NOVARA, Condanna a 2 anni e 6 mesi di reclusione e a 800 euro di multa, giovedì in Tribunale a Novara, nei confronti di un giovane novarese di 27 anni. L’uomo era alla sbarra per maltrattamenti in famiglia ed estorsione nei confronti del padre. Alla penultima udienza il pm Nicola Serianni aveva chiesto la condanna a 3 anni e 3 mesi per i maltrattamenti e per un episodio di estorsione e l’assoluzione, invece, per un altro episodio contestato, sempre per estorsione, parlando di fatti molto gravi. Il difensore dell’uomo aveva chiesto, invece, l’assoluzione per mancanza di prove. Il giovane, con una serie di problemi legati in particolare alla tossicodipendenza, stando all’accusa, avrebbe spesso creato tensioni alla sua famiglia, al padre e alla madre, arrivando anche a minacce e percosse. L’ultimo episodio nell’aprile del 2017, quando, rientrando a casa, aveva chiesto del denaro ai genitori. Quando la madre e il padre si sono rifiutati, l’uomo avrebbe reagito malamente, andando in escandescenze. Si era così reso necessario l’intervento delle Forze dell’Ordine. 

mo.c.

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara di sabato 10 febbraio in edicola

Leggi anche:  Ladri di rame presi dai Carabinieri all'alba

NOVARA, Condanna a 2 anni e 6 mesi di reclusione e a 800 euro di multa, giovedì in Tribunale a Novara, nei confronti di un giovane novarese di 27 anni. L’uomo era alla sbarra per maltrattamenti in famiglia ed estorsione nei confronti del padre. Alla penultima udienza il pm Nicola Serianni aveva chiesto la condanna a 3 anni e 3 mesi per i maltrattamenti e per un episodio di estorsione e l’assoluzione, invece, per un altro episodio contestato, sempre per estorsione, parlando di fatti molto gravi. Il difensore dell’uomo aveva chiesto, invece, l’assoluzione per mancanza di prove. Il giovane, con una serie di problemi legati in particolare alla tossicodipendenza, stando all’accusa, avrebbe spesso creato tensioni alla sua famiglia, al padre e alla madre, arrivando anche a minacce e percosse. L’ultimo episodio nell’aprile del 2017, quando, rientrando a casa, aveva chiesto del denaro ai genitori. Quando la madre e il padre si sono rifiutati, l’uomo avrebbe reagito malamente, andando in escandescenze. Si era così reso necessario l’intervento delle Forze dell’Ordine. 

mo.c.

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara di sabato 10 febbraio in edicola