Un parco dedicato ad Oriana Fallaci.  La “Giornata internazionale della donna” ricorda sia le conquiste sociali, economiche e politiche sia le discriminazioni e le violenze di cui le donne sono ancora oggi vittime in tutto il mondo. L’8 marzo sottolinea con forza la necessità di uguaglianza di diritti tra uomini e donne e le Nazioni Unite si sono poste come obiettivo il raggiungimento della piena parità tra i sessi entro il 2030. Il Comune di Trecate intende celebrare la “Giornata internazionale della donna” con molteplici iniziative volte a sottolineare l’impegno dell’Ente nella prevenzione e nel contrasto alla violenza di genere (sia fisica sia psicologica). A seguito della mozione presentata dalla consigliera comunale Fortunata Dattrino, alle ore 11 di domani, venerdì 8 marzo, il giardino di via Novara, angolo via Montello, sarà intitolato alla giornalista e scrittrice Oriana Fallaci.

“No alla violenza sulle donne chiama 1522”

Nello stesso parco dedicato ad Oriana Fallaci sarà verniciata di rosso una panchina a cui sarà applicata una targa con la scritta “No alla violenza sulle donne chiama 1522” . Gli stessi dati sono stati inseriti sulla homepage del sito istituzionale del Comune e stampati biglietti da visita che saranno distribuiti nelle attività commerciali dove le donne si ritrovano con frequenza .
A breve sarà inoltre attivato un “Corso di autodifesa personale per donne”: le partecipanti saranno in grado di fronteggiare con più sicurezza una situazione di pericolo. Si svolgerà in una palestra comunale con una massimo di trenta iscritte e sarà articolato in tre sessioni della durata di quattro lezioni cadauna e sarà tenuto da un istruttore di difesa personale in possesso di brevetto rilasciato dal Coni.

Concerto “Omaggio alle grandi voci femminili”

Alle 19.15 si svolgerà al Cineteatro Silvio Pellico, organizzato dall’associazione “Sportello vita” con il patrocinio oneroso del Comune, un apericena seguito, alle 21, dal concerto “Omaggio alle grandi voci femminili” con la partecipazione di Deborah Falanga (voce), Andrea Pollione (pianoforte), Max Laganà (basso) e Pietro Pizzi (batteria). Il ricavato della serata sarà interamente devoluto in attività di prevenzione e sostegno nelle patologie oncologiche svolte dalla predetta associazione.

Leggi anche:  La mostra sul nano Bagonghi al Castello

Clarissa Brusati