Nella Valle del Ticino domenica mattina si è svolta la quarta operazione “Valle pulita”. All’iniziativa ha partecipato una quindicina di volontari che, “armati” di guanti e sacchetti, hanno passato la mattinata ripulendo dai rifiuti abbandonati in particolare l’area delle Sette Fontane di Galliate. Anche il sindaco Davide Ferrari ha voluto essere presente per portare il proprio personale contributo e prendere visione della reale situazione dell’abbandono di rifiuti. Il malcostume, purtroppo, è sempre più frequente nell’area naturalistica.

Raccolti rifiuti di ogni genere

I volontari in azione nella Valle del Ticino hanno raccolto, riempiendo diversi furgoni, immondizia di ogni genere: dai resti dei pic-nic (bottiglie, lattine, sacchetti, ecc.) a rifiuti più voluminosi quali frigoriferi, carcasse di biciclette, tappeti, sedie lasciati da persone incivili. Il fenomeno dell’abbandono di rifiuti ha trasformato alcune aree del Ticino in piccole discariche abusive. Per arginarlo, il Comune di Galliate ha posizionato delle “foto trappole” di nuova generazione. Per rafforzare la rete di controlli che punta a scovare i responsabili, saranno incrementate le foto trappole tramite la partecipazione del Comune a un bando ministeriale. L’invito è già per il prossimo anno con la quinta edizione di “Valle pulita” per mantenere sempre viva l’attenzione su un tema di vitale importanza per il bene di tutti.

Andrea Campo