Sant’Agabio, un quartiere in festa. Tante iniziative in programma a cura delle associazioni che operano nella zona.

Sant’Agabio, un quartiere in festa

Il 10 settembre cade la ricorrenza liturgica della Festa di Sant’Agabio, secondo vescovo di Novara, dalla morte di San Gaudenzio, il 3 agosto 418 fino al 10 settembre 440. Sant’ Agabio fu per oltre 400 anni sepolto sulla strada per Milano dove sorge la chiesa e il quartiere ne prese il nome. Dal 2017 un gruppo di associazioni che operano nel quartiere, su invito del Parroco ha lanciato la settimana di festa del quartiere, proponendo ciascuna almeno un’iniziativa di festa, incontro con gli abitanti del quartiere e presentazione della propria attività. Questo il programma dei primi appuntamenti.

Alla Falegnameria sociale

Domani, sabato 8 settembre, appuntamento dalle 10 alle 18, in via Falcone 9, alla Falegnameria Sociale Laboratorio Fadabrav, per riparare, ritoccare, costruire insieme. E’, infatti, possibile portare  i propri oggetti da riparare per trovare una soluzione. Prevista anche una visita e un racconto del laboratorio (10-18) per adulti e bimbi accompagnati. Inoltre, insieme ai ragazzi del Grest di Sant’Agabio “progetteremo  – dicono dal Laboratorio  – e costruiremo le ante del nuovo armadio dell’oratorio”. Fadabrav è un progetto ideato e curato dalle associazioni SerMais, Sincronie, HousingLab e dal Comune di Novara.

Sorprendenti incontri

Sempre domani, dalle 16 alle 18, in piazza Monsignor Brustia,  “Sorprendenti incontri …” a cura della Comunità di Sant’Egidio. L’esperienza sorprendente è che è possibile far incontrare mondi che sembrano distanti, come quello degli anziani e dei giovani stranieri. “Vogliamo  – dicono dalla Comunità – dare visibilità alle relazioni significative che nell’ambito del programma Viva gli anziani si sono costruite tra gli studenti provenienti da vari Paesi della scuola di lingua e cultura italiana e alcuni storici “ranat” residenti nel quartiere scoprendo la bellezza di conoscersi, ascoltarsi, aiutarsi realizzando tasselli di dialogo e pace nel quartiere”.

Leggi anche:  Movida novarese, controlli straordinari delle Forze dell'ordine

La nuova sede di Savore

Lunedì 10 settembre, alle 8.30 e 18 in piazza Monsignor Brustia, in chiesa S. Messa liturgia celebrata dal Parroco don Carlo Bonasio. Martedì 11 settembre, dalle 19, in via Calvari 12F “Savore”, aperitivo di presentazione della nuova sede, a cura della nuova associazione “Savore”, che si è costituita l’8 luglio scorso e si propone di realizzare iniziative volte a migliorare la resilienza della popolazione residente a Sant’Agabio. La resilienza è la capacità di affrontare i cambiamenti dell’ambiente naturale e sociale minimizzando il danno e valorizzando le nuove opportunità.

“Da S. Agabio al Mottarone”

Mercoledì 12 settembre, alle 21, in piazza Monsignor Brustia, proiezione del  video documentario “Da S. Agabio al Mottarone”, a cura di Cassiopea, associazione di Volontariato. Nel video si potrà conoscere meglio il Mottarone e la sua storia e la sua ferrovia, funivia. Il video documentario è stato realizzato dal Gruppo Escursionisti Senior del Cai Borgomanero nell’ambito del progetto “Impariamo insieme con ritmo”.

Iscrizioni a Cassiopea

In caso di cattivo tempo, l’evento, sarà realizzato nella chiesa parrocchiale di Sant’Agabio. Cassiopea è un’associazione dI volontariato che opera gratuitamente per prevenire la dispersione scolastica a livello di scuola secondaria inferiore nonché il disagio giovanile tra i minori in difficoltà familiari, scolastiche ed è attenta ai giovani con problemi di inserimento sociale. Le iscrizioni si apriranno lunedì 24 settembre ore 16,30 presso il Centro Pastorale, in  piazza Monsignor Brustia.
cl.br.