Rifiuti abbandonati, è partita in questi giorni, e durerà per tutta l’estate, la campagna di sensibilizzazione ambientale di Assa con affissioni di manifesti formato 6×3 in tutta Novara.

Rifiuti abbandonati, partita la campagna di sensibilizzazione di Assa

“L’obiettivo – ricordano il sindaco Alessandro Canelli, l’assessore all’Ambiente Emilio Iodice e il presidente di Assa Giuseppe Antonio Policaro – è quello di richiamare la cittadinanza all’utilizzo del servizio gratuito di raccolta dei rifiuti ingombranti, al corretto utilizzo dei cestini per rifiuti da passeggio e alla raccolta delle deiezioni canine. L’Azienda è quotidianamente impegnata a fornire la propria competenza e tutti i servizi per far sì che la città sia sempre più decorosa e pulita. Per una questione di responsabilità e senso civico, anche i Novaresi devono sentirsi coinvolti in prima persona. Sono sufficienti attenzione e piccoli gesti che costano davvero poco, ma che possono dare molto all’intera comunità”.

rifiuti abbandonati
Un momento della conferenza stampa di presentazione della campagna di affissioni Assa

“Potenziato e reso più organici i servizi per il decoro urbano e lo spazzamento”

Il presidente di Assa sottolinea che “l’Azienda ha ampiamente potenziato e reso più organici i servizi per il decoro urbano e reso più efficace lo spazzamento. Questo sia con i propri operatori, sia attraverso i progetti sociali che ci permettono di migliorare i servizi senza aumentare i costi che graverebbero sui cittadini. Grazie a questi progetti stiamo riuscendo a compiere tanti interventi di pulizia straordinaria delle aree di maggior degrado. Abbiamo installato in centro nuovi cestini, e stiamo incrementando la dotazione di cestini stradali tutte le zone della città. Stiamo garantendo una sempre maggiore rapidità nella rimozione degli abbandoni in modo da minimizzare i disagi per la cittadinanza”.

Nel 2018 aumentati del 48% gli interventi per la rimozione di ingombranti

Nel 2018 sono aumentati del 48% gli interventi di Assa per la rimozione di ingombranti e rifiuti abbandonati. “Siamo passati – prosegue Policaro – dai 2.416 del 2016 a 3.581 nel 2017. Proseguiamo con i controlli degli ispettori ambientali e abbiamo dato un forte rilancio anche all’attività di sensibilizzazione a cominciare dalle scuole con incontri in aula e con le visite alla nostra sede. Aciò si aggiunge il colloquio con i cittadini direttamente su strada e negli esercizi commerciali per ascoltare le esigenze e illustrare i servizi. Forniamo servizi gratuiti per il ritiro degli ingombranti e del verde sia a domicilio sia alle due isole ecologiche, una aperta anche la domenica. A fronte di tutto questo c’è però purtroppo ancora chi si ostina ad abbandonare rifiuti, da quelli di più piccole dimensioni, deiezioni canine e mozziconi compresi, a quelli ingombranti, sulla pubblica via o marciapiede in varie zone della città vanificando in questo modo tutti gli sforzi che quotidianamente i nostri addetti fanno attraverso il loro lavoro”.

#RispettiAmoNovara

rifiuti abbandonati
Il manifesto che invita i cittadini a tenere puliti marciapiedi, strade e parchi

“Per questo – continua ancora il presidente Assa – abbiamo ritenuto opportuno proseguire la nostra campagna “RispettiAmo Novara”, iniziata la scorsa estate con i moniti “Multe a chi sporca” e “Obbligatorio differenziare i rifiuti” scritti a “caratteri cubitali”. Con questa campagna ricordiamo il servizio gratuito di ritiro ingombranti su prenotazione e invitiamo il corretto utilizzo dei cestini stradali per i rifiuti da passeggio e la raccolta delle deiezioni canine. Le più recenti disposizioni in materia ambientale – spiega Policaro – prevedono multe salate anche per chi getta a terra rifiuti di prodotti da fumo e di piccolissime dimensioni come scontrini, fazzoletti di carta e gomme da masticare, oltre per chi non pulisce gli escrementi del proprio cane o abbandona ingombranti e rifiuti di ogni genere su suolo pubblico. All’inciviltà noi rispondiamo sempre e tempestivamente con l’impegno dei nostri lavoratori che ringraziamo. Certo è che la pulizia della città dipende anche dal senso civico di tutti. In questo senso va proprio il nostro invito “Rispettiamo Novara” che diventa sui social l’hashtag ufficiale della nostra campagna #RispettiAmoNovara con il quale chiediamo di condividere sia foto di esempi di comportamenti virtuosi, sia situazioni anomale o scarichi abusivi direttamente sulla nostra pagina facebook Assa Novara o alla Polizia Locale”.

Leggi anche:  Trasporto autobus Sun sospeso per Ferragosto

I dati 2018 sull’attività degli ispettori ambientali

Da inizio anno all’8 marzo 2018 i verbali emessi dagli ispettori ambientali sono stati 27. Complessivamente, dall’inizio dell’attività degli Ispettori Ambientali Assa, agosto 2013, all’8 marzo 2018, i verbali emessi sono stati 628, mediamente 12 verbali al mese, per abbandono di rifiuti su suolo pubblico, mancato rispetto delle Ordinanze comunale sulla raccolta differenziata e del Regolamento sulla raccolta delle deiezioni canine.
La funzione degli Ispettori Ambientali Assa è anzitutto quella di sensibilizzazione al corretto comportamento nel rispetto delle normative in tema di rifiuti e raccolta differenziata e di controllo e sanzionatoria. Quando poi nei loro controlli, assidui e continui in tutte le zone della città e in particolare nei punti rilevati come i più critici, trovano elementi che fanno risalire agli autori degli abbandoni o dei comportamenti illeciti gli ispettori ambientali emettono il verbale di accertamento che viene poi trasmesso da Assa al Comando di Polizia Locale. Spetta infatti agli agenti della Polizia Locale elevare le sanzioni che possono andare da un minimo di 25 euro ad un massimo di 500 euro.

Raccolta differenziata sopra il 72%

Nell’anno appena trascorso le tonnellate di indifferenziato portate in discarica sono state 12.048.680, nel 2016 erano state 12.425.340, sono diminuite dunque del 3%.
Novara ha da tempo raggiunto e abbondantemente superato gli obiettivi fissati dalla Regione Piemonte, con il Piano di gestione dei rifiuti approvato il 28 dicembre scorso, di portare entro il 2020 il Piemonte in linea con le prescrizioni europee, riducendo la produzione a 455 kg per abitante, di cui non più di 159 kg indifferenziati, aumentando la differenziata al 65%. A Novara nel 2017 la produzione procapite di rifiuti è stata di 417,07 Kg per abitante, di cui 115,29 kg per abitante di rifiuti indifferenziati, ed ha una percentuale di raccolta differenziata del 72,36%.

v.s.