Presepe Vivente, riuscita la prima edizione della manifestazione a Novara. Ottanta le persone coinvolte tra figuranti, cantanti e fotografi.

Presepe Vivente, riuscita la prima edizione della manifestazione a Novara

In tanti non sono voluti mancare alla prima edizione del Presepe Vivente a Novara ieri pomeriggio, domenica 16 dicembre. La manifestazione è stata realizzata con il supporto del Comune di Novara e l’ospitalità della Provincia di Novara da Associazione “@rteLab” con Nuares.it, Cenacolo Dialettale, Academia del Rison, Asino chi legge, Suono per te, coro polifonico Giacomo e Gaudenzio Battistini, coro Alkimyia, i giovani del gruppo musicale I Barlafus, associazione Storia e Cultura trecatese “Nü e pö pü”, Società Fotografica Novarese e Proloco Novara con Marco Faccioretti e la regia di Silvano Crepaldi. In totale hanno dato vita al Presepe Vivente 80 persone tra figuranti, cantanti e fotografi. Prima il corteo per le vie del centro e poi nel Giardino di Palazzo Natta, sede della Provincia in piazza Matteotti, la narrazione di brani del Vangelo apocrifo della Natività intervallati dai canti, per concludere con l’arrivo dei Re Magi.

Preparato in soli tre mesi

“Con soli tre mesi di preparazione le associazioni del Presepe Vivente hanno profuso tutte le loro forze per la riuscita – spiega Emanuela Fortuna di @rteLab – ricreando un piccolo mondo antico, tornando indietro nel tempo quando San Francesco organizzò per la prima volta nel Medioevo il Presepe di Greggio, e dando voce anche la popolo nel giorno di festa della sacra natività. Un presepe che è nato per gioire della nascita di Gesù Bambino ma anche per ritrovare il senso di comunità. Ce l’abbiamo messa tutta e vi invitiamo alla prossima edizione che sicuramente sarà ancora migliore”.

Leggi anche:  Incendio sul pianerottolo, condomini intossicati

v.s.