Nuovo lungolago inaugurato ad Arona dopo la conclusione dei lavori di restyling estetico e  funzionale e la realizzazione della pista ciclabile.

Nuovo lungolago inaugurato ad Arona

Inaugurato giovedì il nuovo lungolago ad Arona. «Invito aronesi e turisti a prendere possesso di questa area che torna disponibile nella sua bellezza» ha detto il primo cittadino Alberto Gusmeroli in occasione della cerimonia ufficiale. «La parte più importante di quanto abbiamo fatto è quella che non si vede – ha ricordato il sindaco prima del taglio del nastro alla presenza della sua squadra, dei progettisti e dell’impresa che ha eseguito i lavori e dei responsabili dell’Ufficio tecnico comunale a cui ha rivolto i suoi ringraziamenti – Le tubature avevano più di 100 anni, molti cunicoli erano crollati, si è andati a sistemare gli scarichi a lago che versavano in pessime condizioni risolvendo così una serie infinita di criticità». Un restyling funzionale, ma anche estetico: «Le piastrelle erano rotte e brutte: il lungolago era ormai inguardabile».

Ristrutturazione della quattrocentesca torre canziana

Si procede ora alla ristrutturazione della quattrocentesca torre canziana che faceva parte della cinta muraria riportata alla luce nel 2016. «Le fioriere che attualmente la delimitano, sono provvisorie e al momento sono solo di abbellimento, saranno sostituite con un parapetto in vetro voluto dalla Sovraintendenza». La stessa che aveva “imposto” nel tratto di pista ciclabile parallelo al pergolato del glicine uno spazio sia per le biciclette sia per i pedoni, sollevando qualche perplessità tra i cittadini, problema “arginato” con un’ordinanza comunale. Nel progetto del lungo lago integrata anche la pista ciclabile: «Una città turistica come Arona deve gradualmente togliere le auto dal centro storico, non potranno crescere all’infinito anche nell’ottica di un turismo sostenibile. Il grosso è stato fatto e vedo con piacere come già molti ciclisti la utilizzino, manca l’ultimo tratto che dall’Imbarcadero arriva a largo Vidale entro il 15 giugno verrà terminato. La pista ciclabile in futuro potrà congiungersi con quella di Dormelletto, arriveranno campeggiatori e turisti provenienti dai vicini campeggi».

Leggi anche:  Cartiera di Momo, "i fanghi ammorbano l'aria del paese"

«La città vivrà sempre più sul turismo e il commercio»

«La città vivrà sempre più sul turismo e il commercio. So che è difficile lasciare l’incerto per il sicuro – ha aggiunto il sindaco rivolgendosi ai commercianti –, ma dove è avvenuto si è sempre cresciuti», anche in risposta alle lamentele per aver eliminato parcheggi. «Per la primavera del 2019 contiamo di avere pronto il parcheggio sopraelevato sotto villa Cantoni oltre all’ampliamento, con nuovi 50 posti, di piazzale Aldo Moro». La passeggiata del lungo lago sarà “riempita” dai dehor: «Occuperanno un piccolo spazio di due metri di larghezza e sette di lunghezza a ridosso delle aiuole con quattro tavoli e sedie “semplici” tutte uguali».

Ztl attiva ogni giorno nel mese di agosto

Critiche sul nuovo lungolago dal Pd, che invece è sempre stato favorevole alla realizzazione della pista ciclabile: «Un’opera utile ma non prioritaria, andando ad investire molti soldi che sarebbero potuti servire in altre zone della città come quartieri e frazioni. E’ una spianata di pietra – ha fatto notare nell’ultimo consiglio comunale Alessandro Travaini – è sparito il verde, si sarebbe potuta salvare qualche aiuola in più».  Il nuovo lungo lago sarà libero da auto e interamente pedonale nei fine settimana: fino a fine maggio Ztl attiva dal venerdì alle 19 fino alla mezzanotte di domenica. Dal 1 giugno fino al prossimo 30 settembre sarà resa pedonale ogni venerdì dalle 18 fino alla domenica sera alle 24 e ogni giorno durante il mese di agosto.
Maria Nausica Bucci