Multisala, il sindaco di Novara Alessandro Canelli contro la Regione dopo il ritiro dell’emendamento che rendeva possibile nuove aperture.

Multisala, Canelli contro la Regione

«Basta con questo immobilismo da parte della Regione Piemonte, che deve obbligatoriamente recepire la legge Franceschini del 2015 inerente alla liberalizzazione della diffusione delle multisale cinematografiche sul territorio nazionale». Al sindaco di Novara, Alessandro Canelli (nella foto), non è andato giù il fatto che l’assessore regionale alla cultura, Antonella Parigi, abbia ritirato l’emendamento che aveva proposto, a latere delle legge Omnibus in discussione in questi giorni, delle deroghe alla rigorosa legge regionale sull’argomento. In sostanza l’emendamento, prevedeva che fosse possibile l’apertura di multisale cinematografiche nei capoluoghi di provincia in deroga, appunto, alla legge regionale che pone una serie di paletti ben precisa.

La struttura è prevista a Veveri

«Per un anno e mezzo non hanno fatto niente a Torino – prosegue Canelli – e adesso, che si sono accorti che a Novara è tutto pronto e l’iter sta per partire, ritirano l’emendamento. MI sembra quanto meno strano». La multisala è prevista a Veveri . «Abbiamo già gli operatori disposti ad assumersi questo onere, ma soprattutto rischiamo di perdere un indotto importante e dei posti di lavoro. Oltre alla sala, infatti, è previsto un asilo nido, il mercato ortofrutticolo, il centro di cottura per le mense. Stiamo parlando di interesse pubblico, di concrete possibilità di lavoro che rischiano di sfumare».

Leggi anche:  Vigili del fuoco e Cri per la ricerca di persone scomparse

«Danno per Novara»

Perché non è stata ancora recepita la legge nazionale? «Non lo so, anche perché porta la firma Pd che governa, per ora, anche in Regione. Di sicuro sta danneggiando Novara. Si sta temporeggiando, agevolando, di conseguenza, chi opera già sul nostro territorio e precludendo altre attività che potrebbero insediarsi». Come si può sbloccare questa situazione? «Solamente con il recepimento della legge Franceschini – conclude il sindaco Canelli – e non hanno neanche tanto tempo, ormai pochi mesi. Di sicuro, se non riusciremo a portare la multisala a Novara, i cittadini sapranno chi ringraziare!».
Sandro Devecchi