Mobilità alternativa, a Oleggio arrivano le colonnine di ricarica per auto elettriche. Il funzionamento avviene tramite l’app X Recharge o tessera.

Mobilità alternativa, a Oleggio arrivano le colonnine di ricarica per auto elettriche

Oleggio verso una mobilità alternativa. In città arrivano le colonnine per ricaricare le auto elettriche: tre sono già in funzione e altre due verranno allacciate entro la fine della settimana prossima. Lo hanno annunciato il  sindaco Marcassa insieme alla consigliera Borrino e i responsabili Enel X, Marco Manzin e Giuseppe Guglizza. Da oggi chi ha un’auto elettrica può fermarsi in città e ricaricare tramite app (X Recharge) o tramite apposita tessera.

Idea diventata realtà

L’idea di avere in città punti di ricarica per auto elettriche era da anni nelle mire dell’amministrazione, più difficile reperire i fondi per la realizzazione. Con l’intervento di Enel X l’idea diventa realtà. “Questi punti sono parte del piano di ricariche su tutta l’area nazionale – così Guglizza, responsabile area nord di Enel X – l’ambizione è quella di creare una rete che permetta la mobilità elettrica in tutta Italia”, e Oleggio sarà parte di questa rete.

Leggi anche:  Gozzano, inaugurato il centro diurno per giovani disabili L'Aurora FOTOGALLERY

Dove si trovano i punti di ricarica

Le colonnine già attive sono quelle di piazzale Vittime del Terrorismo, via dei Negri e della Caminadina. “Domenica verrà attivata anche la Fast Recharge alla Guandra – spiega Manzin insieme alla consigliera Borrini – che permetterà una ricarica completa in circa 20 minuti”, ed entro la fine della prossima settimana anche quella nell’area dei Bastioni.

I costi

I costi vanno da 0,45 a 0,50 €/kW: “Con circa 10€ riesco a fare 150/160km” il commento di Daniele Gandaglia, tra gli oleggesi già in possesso di un’auto elettrica e presente alla presentazione dei punti ricarica, “quello che deve cambiare però per passare all’auto elettrica è la mentalità, il modo di spostarsi. Ma è un cambiamento che paga sia economicamente sia dal punto di vista ecologico”.
Silvia Biasio