La scuola in ospedale nel progetto “Esplorare leggendo”. 30 nuovi libri per i piccoli pazienti della Pediatria grazie a Dracma Educational con White Star e National Geographic

La scuola in ospedale nel progetto “Esplorare leggendo”

scuola in ospedale esplorare leggendoLa scuola in ospedale “Marcella Balconi”, all’interno della struttura di Pediatria del Maggiore della Carità di Novara, è tra i destinatari del progetto “Esplorare leggendo” promosso da Dracma Educational con la casa editrice di Novara White Star e National Geographic. Grazie a questa iniziativa i bambini e i ragazzi ricoverati o che frequentano il reparto per visite e controlli hanno ora a disposizione più di trenta volumi che trattano temi diversi e pensati per tutte le fasce di età, dalle fiabe di Andersen e Perrault al mondo degli animali passando per i colori e le forme. La consegna è avvenuta nella mattinata di lunedì 26 novembre alla presenza delle maestre Daniela Gerlo, Rita Trombetta e Antonietta Fiore (nella scuola opera anche Beatrice Galiani) , Giulia Galli di Dracma Educational e l’amministratore delegato della White Star Andrea Pasquino .

Più di 30 libri a disposizione dei piccoli pazienti

“Esplorare leggendo è un progetto nato per promuovere la lettura in ogni tipo di contesto – ha spiegato Giulia Galli – Oltre alla scuola in ospedale di Novara, saranno donati libri al Bambin Gesù di Roma, alla scuola appena ricostruita del Comune terremotato di Crognaleto e a un istituto comprensivo che si trova in quartiere connotato da forte disagio sociale a Palermo”. “Abbiamo molti titoli per i bambini e per me che sono novarese e ho tre figli si tratta di un progetto che sento particolarmente – ha detto l’ad di White Star – Un’occasione molto gradita di portare qualche sorriso in più ai bambini della Pediatria in un periodo speciale dell’anno come quello che si avvicina al Natale”.

Leggi anche:  Industria novarese, cresce il fatturato ma diminuisce la produzione

Un ponte con l’esterno

scuola in ospedale esplorare leggendoLa scuola in ospedale opera dal 1992 e propone attività educative e di intrattenimento ai bambini e ragazzi che per le più svariate ragioni si trovano a trascorrere del tempo nel reparto di Pediatria. “Facciamo parte dell’istituto comprensivo “Margherita Hack” e operiamo grazie a una convenzione stipulata con l’azienda ospedaliera, in collaborazione anche con le associazioni Ugi e Abio – ci ha spiegato Rita Trombetta – da noi i bambini possono acquisire i crediti scolastici come se andassero in una normale scuola dell’infanzia e primaria. Inoltre organizziamo attività di animazione, pittura e gioco, il tutto con l’obiettivo di rendere la permanenza qui il meno traumatica possibile e di costituire un ponte con l’esterno. Inoltre questo è uno spazio nel quale i bambini si possono trovare insieme e giocare con il materiale che mettiamo a disposizione.  Siamo grati per la donazione di questi libri che sono molto preziosi perché consentiranno loro di trascorrere del tempo svagandosi e allo stesso tempo imparando nuove cose”.

Valentina Sarmenghi