La macchina “tappabuche” in azione a Novara. Dall’11 ottobre per tre giorni in varie zone della città.

La macchina “tappabuche” in azione a Novara

Inizierà l’11 ottobre e durerà tre giorni l’azione della macchina “tappabuche” a Novara sulle strade non oggetto, in questo anno, di nuova asfaltatura. E’ l’assessore alla Cura della Città Federico Perugini a illustrare gli interventi dei prossimi giorni. “Il principale obiettivo è la sicurezza stradale, – dice – alla quale si associa il decoro di alcune vie della città. Tecnicamente la differenza d’intervento della “tappabuche”, rispetto alle normali manutenzioni, sta nella bitumatura effettuata a caldo e che garantisce maggior durata”.

I lavori a cura di Assa Spa

“Il nostro Ufficio tecnico – continua Perugini – ha stilato una lista di priorità a seguito di verifiche e sopralluoghi che abbiamo effettuato negli scorsi mesi. In seguito è stata incaricata la partecipata Assa Spa della gestione dei lavori. Saranno impegnate le risorse assegnate dal Comune alla stessa azienda per raggiungere gli obiettivi di buona amministrazione che ci siamo prefissati”.

Leggi anche:  Intolleranza al glutine, l’Upo nel team di ricerca per lo sviluppo di una terapia

Dove saranno effettuati gli interventi

La macchina “tappabuche” interverrà in via Caviggioli, via Sforzesca e dintorni, via dell’Ospedale San Giuliano con parcheggi e dintorni, quindi via Fauser e dintorni (a esclusione dei parcheggi sul fondo) con via Sozzetti, largo Bellini fronte Azienda ospedaliero-universitaria e parcheggio nei pressi del padiglione “Lualdi”, cavalcavia XXV Aprile fino a largo Alessia Mairati, via Monte San Gabriele da viale Giulio Cesare a via Juvarra, via Biancalani con via Mario Pavesi e cavalcavia dalla rotonda del Cim fino a prima della rotonda di “Esselunga”.

Sabato la conclusione dei lavori

Gli interventi, salvo avverse condizioni meteorologiche, dovrebbero concludersi con la giornata di sabato e saranno eseguiti da una squadra formata da quattro addetti, più movieri per regolare il traffico, macchina “tappabuche” e mezzo di supporto con il materiale necessario per effettuare le riparazioni. Nei casi che lo necessitano è previsto anche il supporto di una pattuglia della Polizia locale per garantire sicurezza del personale al lavoro e regolare il flusso veicolare.

v.s.