Sei alla ricerca di informazioni in merito all’implantologia? Cerchi magari il miglior implantologo a Novara? Abbiamo voluto fare un po’ di chiarezza e provare a dare qualche suggerimento utile per te che adesso ti sei posto il quesito: chi è il miglior implantologo di Novara? Come posso scegliere il miglior centro specializzato in implantologia? I suggerimenti che ti daremo sono sicuramente applicabili su tutto il territorio nazionale, ma proveremo a fornirti tutti gli strumenti di cui necessiti per effettuare la tua scelta.

Partiamo da quelle che sono le domande che più frequentemente si pone un paziente prima di scegliere a chi rivolgersi per interventi di implantologia:

 

Quanto costa un impianto?

La risposta è: dipende. Il costo di un impianto varia notevolmente a seconda degli studi o delle cliniche dentistiche a cui si richiede un preventivo. Orientativamente si va dai 1500 euro ad oltre i 2000 euro per impianto.

I fattori che incidono sul costo dipendono in primo luogo dalle caratteristiche dei 3 componenti dell’impianto:

  1. La vite: è l’elemento cilindrico filettato che viene inserito all’interno dell’osso ed una volta integrato ad esso funge da radice del dente.
  2. L’abutment o moncone: l’elemento che collega l’impianto alla corona
  3. La corona: la parte che va a sostituire il dente mancante

È la qualità dei materiali utilizzati per produrre gli elementi base di un impianto ed il risultato estetico promesso/ottenuto che determinano gran parte il prezzo di un impianto. Sul mercato sono presenti centinaia di aziende che producono impianti dentali in tutto il mondo, tra queste meritano particolare attenzione le aziende che investono nella ricerca e nella sperimentazione clinica.

Producono infatti i migliori impianti, che si integrano meglio nell’osso dei pazienti. Per le corone la partita si gioca sulla robustezza e sulla resa estetica finale.

Le migliori consentono di mangiare ogni tipo di cibo e soddisfano il desiderio dei pazienti di riavere una bella bocca oltre che funzionale.

Oltre alla qualità degli impianti e della corona che dovrebbe sempre essere certificata con garanzie scritte, sul prezzo vanno ad incidere anche i seguenti fattori: la competenza e professionalità del chirurgo, la possibilità di effettuare esami specifici in sede come Tac 3D che consente di avere una panoramica precisa della struttura della bocca ed infine la possibilità di effettuare l’intervento in sedazione cosciente.

Come è facile dedurre più sono i benefici e le garanzie per i pazienti, maggiore sarà il costo da sostenere.

Attenzione dunque alle offerte low cost! Durante la fase di analisi dei prezzi è capitato anche a noi di imbatterci in offerte “imperdibili”: 700 euro per il tuo impianto! Leggendo con attenzione la proposta commerciale si scopre ben presto che ci sono costi nascosti che dovrà poi sostenere il paziente per l’impianto. Il prezzo non può essere l’unico criterio di scelta in questo caso. Anche se sono interventi veloci e poco invasivi, restano pur sempre degli interventi chirurgici. Meglio affidarsi a dottori competenti e che utilizzano materiali di qualità certificata e garantita ed evitare così anche il pericolo di incorrere in problemi post-operatori.

 

Conviene davvero curarsi all’estero?

La nuova frontiera del risparmio è la Croazia. Il Sistema Sanitario Nazionale del nostro paese non copre le spese per i pazienti che necessitano di interventi di implantologia dentale. Il prezzo diventa quindi uno dei principali criteri di scelta per i pazienti con meno capacità di spesa o per quelli che, a prescindere dal proprio reddito, vogliono risparmiare. Online ed anche in tv attualmente fioccano offerte promozionali che propongono costi nettamente inferiori rispetto alla media. Croazia, Albania sono le mete che riscuotono maggiore successo.

Studi e cliniche dentistiche qui locate promettono ai pazienti italiani impianti dentali low cost.

Difficile non cascare in queste offerte allettanti! La realtà però è ben diversa e lo dimostrano i dati. Secondo una ricerca commissionata da Andi a Ispo, 4 italiani su 100 hanno deciso di recarsi all’estero per le cure odontoiatriche e la metà di loro si è pentita di questa decisione! Numerosi infatti sono gli inconvenienti riscontrati all’estero.

Il primo è rappresentato sicuramente dalla difficoltà di gestire un’urgenza. Supponiamo che si verifichino problemi post operatori o che ci siano dei difetti nell’impianto, il paziente sarà costretto a recarsi nuovamente all’estero. Ciò richiede organizzazione e denaro! Nel caso in cui sia vittima di malpractice, ottenere un risarcimento risulta essere poi molto difficile.

Altro aspetto da non sottovalutare è che i piani terapeutici implantari proposti a distanza non prendono in considerazione le abitudini, lo stato di salute dei pazienti ed eventuali terapie farmacologiche in corso. Non di rado i professionisti che lavorano all’estero prediligono la terapia estrattiva che precede l’inserimento degli impianti. In diversi casi l’estrazione potrebbe sicuramente essere evitata con trattamenti che richiedono tempi più lunghi ma che potrebbero rispondere meglio alle esigenze del paziente.

La fuga all’estero potrebbe sembrare un trend del momento, complice la crisi economica. In realtà il turismo dentale nasce negli anni ’70. Gli italiani all’epoca raggiungevano i Paesi Bassi dove i professionisti locali praticavano l’estrazione dei denti e l’applicazione di una protesi totale rimovibile nelle successive 24 ore. La scarsa qualità dei manufatti e la forzatura dei tempi di intervento comportarono non pochi problemi a chi scelse questa destinazione, decretando così la fine del caso delle protesi olandesi.

Cambiano le mete ma il turismo dentale continua ad avere ancora oggi clienti. Il nostro consiglio è di prestare attenzione a ciò che viene offerto, non cascare nelle offerte “acchiappa clienti” e preferire sempre professionisti che espongono in modo chiaro ed esauriente tutte le voci di costo. Se preferite anche in una città/regione diversa da quella di appartenenza ma che possiate sempre raggiungere in breve tempo sia per eventuali urgenze che per le visite periodiche post intervento.

 

Leggi anche:  Apre FreedomClub, il nuovo centro wellness e sport di Dormelletto

Protesi tradizionali o nuove soluzioni?

All On Four, All On Six e Overdenture. Sono le soluzioni implantologiche più richieste dai pazienti che necessitano di protesi per una o entrambe le arcate.

All On Four: la protesi è fissata su 4 impianti. Il risultato è una protesi ancorata in modo saldo, resistente e che fornisce ottimi risultati sia in termini funzionali che estetici. L’operazione è mini invasiva, non prevede tagli e punti di sutura. Il post operatorio è breve ed il paziente non risente di particolari disagi.

All On Six: uguale alla precedente in questo caso però la protesi viene fissata con 6 impianti ad arcata.

Overdenture: vengono utilizzate protesi mobili, ancorate a due o più impianti che il paziente può rimuovere nell’arco del giorno per la regolare igiene. La protesi è molto più comoda e stabile rispetto alle dentiere tradizionali e non necessita di paste adesive per tenerla fissata. Rispetto alle due soluzioni precedenti è sicuramente meno invasiva ed economica ma va detto che è anche meno perfomante.

 

Si può inserire un impianto con poco osso?

Per i pazienti con poco osso (minimo 5-6 mm) se le condizioni sono favorevoli è possibile inserire impianti corti, inclinati o zigomatici. Vi è poi una nuova tecnica di rigenerazione ossea grazie alla quale è possibile rigenerare l’osso naturale fino a 20mm. Ciò permette l’inserimento di impianti anche in pazienti che erano destinati alla protesi tradizionale. Dopo la ricostruzione dell’osso con l’utilizzo di materiali biocompatibili è infatti possibile affrontare l’intervento. Bisogna tener conto che occorre attendere dai 6 ai 12 mesi affinché l’innesto osseo si stabilizzi e sia possibile effettuare il posizionamento degli impianti.

 

Chi scegliere per assicurarsi il miglior risultato?

Il paziente deve dedicare tempo ed attenzione all’attività di ricerca e scelta del medico, seppur noiosa in mancanza di referenze valide è l’unico modo che ha per assicurarsi il miglior risultato. Abbiamo stilato una lista di 6 fattori da tener presente per la scelta del medico a cui affidarsi per un intervento di implantologia dentale:

 

  • L’esperienza nel settore dell’implantologia deve essere comprovata.
  • L’aggiornamento costante, sia tecnologico che pratico. Scegliete professionisti che investono in macchinari all’avanguardia e che praticano nuove tecniche di intervento meno invasive e fastidiose.
  • Il curriculum deve essere verificabile anche online. Basta una veloce ricerca sul web per essere sicuri che il professionista che state valutando è realmente un medico in possesso della laurea e dei titoli richiesti per operare.
  • I feedback degli altri pazienti. Le recensioni online, il passaparola di chi ha già testato il professionista che state valutando sono un ottimo punto di partenza per farsi un’idea della sua bravura e competenza.
  • L’esercizio costante della professione medica, in particolare nella chirurgia orale. Ancor prima di cominciare qualsiasi trattamento, che si tratti di clinica o studio odontoiatrico, è importante sapere qual è il dottore che vi opererà in modo da poter verificare da quanti anni è attiva la collaborazione tra medico e struttura.
  • Il rilascio del passaporto implantare a fine operazione. Questo documento certifica l’alta qualità delle materie prime utilizzate per l’impianto e funge da garanzia per il paziente.

 

Esiste una classifica dei migliori implantologi in Italia?

Nessuno potrà mai indicarvi con certezza quale sia il miglior implantologo di Novara, Varese o qualsiasi altra città italiana. La nostra analisi approfondita sull’implantologia dentale ci permette di fornirvi una lista di studi odontoiatrici che possiedono tutti i requisiti necessari per essere considerati tra i migliori, con team di professionisti con oltre 20 anni di esperienza comprovata nel settore implanto-protesico.

 

PROVINCIA DI NOVARA

OdontoBi Dental Clinic: Struttura di eccellenza nel mondo dell’implantologia.

La Clinica Dentale OdontoBi è un punto di riferimento per coloro che cercano un centro di alta specializzazione per interventi implantologici innovativi e trattamenti odontoiatrici tradizionali. Lo staff è composto da professionisti, con comprovata esperienza nel settore, che da oltre 20 anni opera all’interno del centro medico, costituendone una risorsa unica nel mondo dell’odontoiatria italiana. La scelta dei materiali e, soprattutto, dell’attrezzatura tecnologica di ultima generazione garantiscono standard qualitativi di altissimo profilo.

La clinica dentale OdontoBi è ubicata a Novara, in una posizione strategica: è infatti facilmente raggiungibile dai comuni e dalle province di Lombardia, Piemonte e altri comuni del Nord Italia.

Sito web: http://www.odontobi.eu

 

PROVINCIA TREVISO

Studio Dentistico Prof. Lorenzo Favero: specializzato in interventi di implantologia immediata ed ortodonzia.

Il Professor Favero, vanta un’esperienza decennale nel mondo della ortodonzia ed implantologia. Forte di una formazione professionale di altissimo livello, il professor Favero è specializzato in Ortognatodonzia, Otorinolaringoiatria e Patologia Cervico Facciale. Sul sito web è possibile prendere visione dei servizi erogati presso il centro specialistico e dei recapiti per prendere un appuntamento.

Sito web: www.lorenzofavero.it

 

PROVINCIA DI ROMA

Studio Dentistico De Sanctis: un Centro che pone la massima attenzione al paziente in ogni tipo di cura.

Fiore all’occhiello dell’Odontoiatria Digitale Moderna, lo studio dentistico De Sanctis si distingue per la qualità dei trattamenti e la assoluta professionalità del suo staff.

All’uso di strumentazioni tecnologiche di altissimo livello si unisce una formazione professionale continua dei dottori che operano all’interno della struttura.

Sito web: www.odontoiatriadigitaledesanctis.it