Gozzano, inaugurato il centro diurno specializzato per giovani disabili L’Aurora. Tra i donatori spicca anche Ikea Italia.

Gozzano, inaugurato il centro diurno per giovani disabili L’Aurora

E’ stato inaugurato ieri, sabato 20 ottobre, il nuovo Centro diurno “L’Aurora” per giovani disabili a Gozzano. La struttura è stata ideata ed è gestita da Anffas Borgomanero Onlus, vincitrice di un Progetto Emblematico di Cariplo nel 2015 e frutto della collaborazione di molti partner. Tra i donatori spicca anche Ikea Italia che per la prima volta ha scelto di donare ad un progetto sul territorio novarese. Un progetto innovativo che vuole offrire ai giovani disabili e alle loro famiglie “uno spazio di vita possibile”.

Uno spazio di vita possibile

Il Centro, pensato per ospitare circa una ventina di persone, si pone l’obiettivo di fornire gli strumenti necessari per scelte future consapevoli, puntando al benessere collettivo e ad una qualità di vita adeguata. Propone una modalità operativa specificamente dedicata al target adolescenziale.

“Cambio di prospettiva”

“Realizzare “L’Aurora” – spiegano la direttrice di Anffas Onlus Borgomanero Laura Lazzarotto e il presidente Fiorenzo Agazzini – significa essere riusciti, prima di tutto, a fare squadra e condividere. Abbiamo voluto fortemente un cambio di prospettiva, la possibilità di dimostrare che lavorare per la disabilità non è solo un problema di costi, ma comporta la sfida di mettere insieme competenze e risorse diverse per provare, in tempi difficili, a costruire nuovi percorsi di cura e inclusione”.

Luogo terapeutico e di benessere psico-fisico

“L’Aurora” comprende spazi interni ed esterni dedicati a valorizzare l’ambiente come luogo terapeutico e di benessere psico-fisico. Alla sezione d’edificio già presente, è stata aggiunta una sezione totalmente nuova. L’intero corpo è stato, poi, oggetto di scelte edilizie attente alla riqualificazione energetica. All’interno sono previsti: spazi comuni: soggiorno, sala polivalente, palestra e spazi esterni; spazi per la cura della persona; 8 sale occupazionali dedicate ad attività come laboratorio artistico, ortoterapia, multimediale, psicomotricità, autonomie personali.

Leggi anche:  Violenza sulle donne, torna nel Vco il Camper Rosa della Polizia di Stato

Laboratorio/giardino di ortoterapia

Lo spazio esterno è occupato da un laboratorio/giardino di ortoterapia con una sezione di verde “rialzato”, in costante collegamento visivo con l’interno, attraverso le ampie vetrate che caratterizzano l’edificio. Nella parte nuova dell’edificio si trovano una sala spogliatoio, sale per attività occupazionali, palestra con funzione anche di sala riunione, bagno assistito, lavanderia. La parte ristrutturata dell’edificio, invece, comprende tra l’altro cucina, zona amministrativa, sala accoglienza, ambulatorio medico, sala da pranzo, soggiorno e sale per attività occupazionali.

Investiti 729 mila euro

Per la realizzazione de “L’Aurora” sono stati spesi circa 729 mila euro: da aggiungere al contributo di partenza di Fondazione Cariplo di 322 mila euro e a quelli di altri enti, Anffas Onlus Borgomanero è riuscita nell’impresa di raccogliere 137 mila euro attraverso bandi vinti, eventi di promozione e raccolta fondi, relazioni intessute con donatori grandi, medi e piccoli e donazioni di materiali come quella di Ikea Italia. Hanno contribuito anche Fondazione Comunità Novarese Onlus e Fondazione CRT, Gianni Floriani, Fondo Vittoria e Guido Ponti, Lions Club Borgomanero Host , Stefano Sacco, Caleffi Spa, Lions Club Borgomanero Cusio, Giuseppe Crevacore, EdilVeruno, Idral Spa, Elettro Borgo Srl, Snbmetal , Floricoltura Dido’.

v.s.