Festa dell’Uva di Borgomanero, su il sipario sulla 70a edizione. Si comincia con la consegna delle chiavi alla Sciora Togna e alla Carulèna.

Festa dell’Uva di Borgomanero, su il sipario sulla 70a edizione

Tutto pronto per la 70ª edizione della Festa dell’Uva sulla quale si alzerà ufficialmente il sipario domani, sabato 1° settembre con l’arrivo alle 16,30 sul piazzale della Stazione Ferroviaria della Sciora Togna e della Carulèna (nella foto di Panizza). Le due maschere cittadine impersonate da Tiziano Godio e Teresio Pioppi riceveranno attorno alle 17 in piazza Martiri le chiavi della città dalle mani del sindaco Sergio Bossi. C’è grande attesa per il discorso, rigorosamente in dialetto borgomanerese che la Sciora Togna pronuncerà dopo essere diventata la padrona della città per tutta la durata della festa che si concluderà domenica 9 settembre con il ritorno nel pomeriggio, a partire dalle 14 della sfilata dei carri.

Mostre fotografiche e Palio degli Asini

La consegna delle chiavi sarà preceduta dalla presentazione della bottiglia di vino dedicata alla 70ª Festa dell’Uva scelta nei giorni scorsi da una giuria di esperti. Al mattino nell’atrio espositivo di Palazzo Tornielli verranno inaugurate due mostre fotografiche entrambe a cura del Fotoclub L’Immagine: una con le foto storiche della festa e l’altra con le immagini dall’alto di Borgomanero e della sua “gemella” tedesca Bad Mergentheim scattate da Mauro Borzini e da Jens Hackmann. A mezzogiorno verrà presentato l’annullo filatelico del 70° mentre in corso Roma nel pomeriggio a cura dell’Associazione Slowgame si svolgerà la nona edizione dei “Giochi dell’uva”. Alla sera in piazza Martiri alle 21,30 si esibirà Umberto Smaila e la sua band mentre domenica 2 settembre sarà il giorno del Palio degli Asini che si disputerà a partire dalle 17 nel parco di Villa Marazza.

Leggi anche:  Recupero beni confiscati, la Regione Piemonte al fianco dei Comuni

Serate gastronomiche con gli alpini e Miss Lago Maggiore

Alla sera in piazza Martiri l’elezione di Miss Lago Maggiore. Come abbiamo detto la Festa dell’Uva solo “ufficialmente” si aprirà sabato perché già oggi la grande kermesse settembrina richiamerà in città gli appassionati della cucina: da domani a domenica il locale Gruppo Alpini proporrà tre serate gastronomiche con specialità locali, in primis il tapulone (meglio prenotare telefonando al numero 349 – 6592959); sempre domani prende il via al ristorante “Bocciofila” di viale don Minzoni (tel. 0322-82293) la prima delle sei serate a tema “Il Gusto antico” a cura dello chef Giancarlo Rebuscini e dell’enogastronomo Jacopo Fontaneto. Sabato alle 20 promossa dal Rione San Bartolomeo in collaborazione con il bar pasticceria “Giglio Bianco” è in programma in corso Roma una grande tapulonata con un menù legato alla tradizione proposto a € 15 (prenotazioni telefonando ai numeri 346-9663201; 333-3401771; 347-2466539).
Carlo Panizza