Elisoccorso notturno, Momo entra a far parte della rete piemontese. Il sindaco Michela Leoni: «Una risorsa fondamentale negli interventi di emergenza».

Elisoccorso notturno, Momo entra a far parte della rete piemontese

Il Comune di Momo diventa “sito operativo idoneo” rendendo perciò possibile effettuare il servizio del volo notturno dell’elisoccorso. Infatti giovedì sera (19 ottobre) ha avuto luogo, presso il campo sportivo comunale, il volo notturno di prova dell’elisoccorso nell’ambito del progetto “Rete elisoccorso notturno in Piemonte”.

«Un importante risultato della nostra amministrazione»

«Sono davvero orgogliosa – afferma Michela Leoni, sindaco di Momo – perché era un obiettivo a tutti noi molto caro, sul quale abbiamo lavorato per un anno. Finalmente possiamo dire che è stato raggiunto. Il nostro Comune rientra così tra i siti operativi inseriti nella rete regionale dell’elisoccorso. E’ un altro importante risultato della nostra Amministrazione».

elisoccorso notturno Momo

Una risorsa fondamentale negli interventi di emergenza

«L’elisoccorso – spiega Leoni – è una risorsa fondamentale negli interventi di emergenza e, indubbiamente, averlo disponibile anche nelle ore notturne è importante sia per la vasta area geografica per la quale diventiamo punto di riferimento, sia per la nostra comunità.
Parliamo di un progetto che nel suo complesso è una risposta concreta alle esigenze di quelle zone periferiche che da sempre lamentano soccorsi difficoltosi, soprattutto nelle ore notturne».

Leggi anche:  Umanizzazione delle cure, all'ospedale Maggiore due iniziative per il benessere dei malati

Nella rete già 118 Comuni

«Facciamo parte di una vera rete di emergenza – sottolinea il Sindaco di Momo – una realtà che, dal 2014, in soli quattro anni si è diffusa sul territorio già in 118 comuni del Piemonte, consentendo di salvare molte vite umane. Si tratta di una rete costituita proprio anche grazie alla collaborazione di tanti Comuni che, come abbiamo fatto noi, hanno messo a disposizione aree idonee. Ringrazio dunque tutto lo staff degli operatori del 118, e tutti coloro rendono possibile effettuare il servizio del volo notturno dell’elisoccorso».