Contratto di lago per il Cusio, nasce il patto per la valorizzazione del territorio. Tra i firmatari anche la Provincia di Novara.

È nato il Contratto di lago per il Cusio

Il Contratto di lago, promosso dall’Ecomuseo del lago d’Orta e Mottarone, è stato stipulato da diversi enti istituzionali, economici e associativi sabato scorso, 1 dicembre, nella sala consiliare del Comune di S.Maurizio d’Opaglio. Hanno partecipato Aldo Reschigna, Vicepresidente Regione Piemonte, Alberto Valmaggia, assessore regionale all’Ambiente e alla Programmazione territoriale e paesaggistica, Paolo Mancin, Responsabile Tutela delle Acque della Direzione Regionale Ambiente, governo e tutela del territorio, Ivan De Grandis consigliere delegato al Turismo e marketing territoriale della Provincia di Novara, Rino Porini della Provincia del Vco. Inoltre erano presenti moltissimi Sindaci del territorio, Giuseppina De Vito, Capo Delegazione Fai di Novara, e poi ARpa Piemonte, Legambiente, Associazione Case Piemontesi B&B Vco e No, Sub Novara Laghi, Vibram Utlo – Ultra Trail Lago d’Orta, delegazioni di zona dei Lions e del Cai, Circoli velistici, alcuni musei ed enti del territorio, molte associazioni sportive e non, oltre a numerosi imprenditori e giornalisti.

“Un’occasione per il Novarese”

contratto lago cusio de grandis
De Grandis firma il Contratto di lago per il Cusio

“Un’occasione per il Novarese che potrebbe rappresentare un esempio per altre realtà locali – commenta il consigliere della Provincia di Novara De Grandis, tra i sottoscrittori del Contratto – il Contratto di Lago per il Cusio è sopratutto il risultato della sinergia di diverse forze territoriali, tra le quali l’Ente Provincia, che si muovono per il comune obiettivo della valorizzazione e della tutela di un’area. È stato estremamente positivo – sottolinea il consigliere – il fatto di aver dato vita a un tavolo di lavoro al quale hanno partecipato non solo gli Enti amministrativi, come la Regione, la Provincia e i Comuni, ma anche i rappresentanti del mondo dell’imprenditoria e dell’associazionismo locale che hanno a cuore quella zona della provincia che può essere definita un vero e proprio patrimonio sotto diversi punti di vista”.

Turismo e industria

“Un luogo unico nella sua bellezza, che riesce ogni anno ad attrarre turisti provenienti da tutto il mondo, ma un luogo unico anche per il settore industriale che qui si è sviluppato e che, all’insegna dei prodotti di qualità, ha fatto conoscere il Cusio a livello internazionale. E anche questo “mondo” – sottolinea De Grandis – ha voluto condividere con noi l’impegno a far sì che il Cusio sia sempre più una realtà vitale e vivibile, che deve essere preservata dagli abusi che si sono verificati in passato con gli sversamenti inquinanti nelle acque a difesa delle bellezze naturali. Inutile ricordare che la Provincia, soprattutto per quanto riguarda le proprie attività di marketing territoriale, fa particolare affidamento su questa zona del territorio, una delle nostre punte di diamante”.

Leggi anche:  Premio Lino Venini, chi sono i due giovani che hanno ricevuto la borsa di studio

“Il lago d’Orta è il nostro petrolio”

“Il Lago d’Orta è il nostro petrolio, la nostra ricchezza: c’è e ci sarà il concreto impegno al costante confronto con le esigenze che ci saranno manifestate sia dai sindaci, sia anche da tutte le altre realtà che ci vedono partner nel nuovo percorso avviato con il Contratto di Lago. Ho chiesto pragmatismo per un piano d’azione, che poi è il cuore di questo “contratto”, che sia concreto e misurabile nel tempo. Per noi – conclude il consigliere De Grandis – non si tratta di una pura formalità, ma del convincimento che solo le azioni congiunte e il dialogo con il territorio possono risolvere positivamente i problemi e dare gambe alle azioni future per un risultato che è di tutti”.

v.s.

Foto di Manuela Reggiori, consigliere Ecomuseo Lago d’Orta e Mottarone