Carta d’identità elettronica: dal 1° ottobre a Novara si potrà chiedere solo il nuovo documento dotato di microprocessore.

Carta d’identità elettronica a Novara dal 1° ottobre

Dopo un  periodo di sperimentazione del sistema di richiesta della Carta d’Identità elettronica presso il Ministero dell’Interno, dal 1° ottobre cesserà l’emissione da parte dei Servizi demografici del Comune di Novara del vecchio documento cartaceo. Si potrà pertanto richiedere solo il nuovo documento elettronico dotato di microprocessore capace di memorizzare le informazioni necessarie alla verifica dell’identità del titolare.

Per il rilascio è necessario l’appuntamento

La nuova CIE ha le dimensioni di una carta di credito, contiene la foto e i dati del cittadino oltre agli elementi di sicurezza che ne evitano la contraffazione. Presso la sede di via Rosselli 1 del Comune sono tre gli sportelli abilitati al rilascio del documento. Per ottenere il rilascio è necessario prendere un appuntamento utilizzando il link https://agendacie.interno.gov.it/home.do, anche tramite il portale del Comune di Novara. Chi non avesse a disposizione gli strumenti tecnici di collegamento con il Ministero, può rivolgersi all’Ufficio relazioni con il pubblico dell’Ente.

Leggi anche:  Daniel Pennac, bagno di folla al Broletto per lo scrittore francese

Costa 22 euro

Il costo della carta è di 22 euro (16,79 euro per le spese dello Stato + 5,21 euro per diritti comunali, comprese spese di spedizione), che dovranno essere pagati in contanti allo sportello. La carta sarà emessa e spedita dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato all’indirizzo indicato dal cittadino entro sei giorni lavorativi dalla richiesta.

Cosa serve per il rilascio

Il giorno dell’appuntamento il cittadino deve recarsi allo sportello munito di una fototessera dello stesso tipo di quella utilizzata per il passaporto, codice fiscale, documento d’identità scaduto o in scadenza entro sei mesi, eventuale denuncia di smarrimento o furto presentata agli organi di Polizia. Per i minori è inoltre necessaria la dichiarazione di assenso all’espatrio sottoscritta da entrambi i genitori.

v.s.