Beppe Vaccarone, addio fedelissimo cuore azzurro. Lo storico giornalista sportivo si è spento a 71 anni all’Ospedale Maggiore di Novara.

Beppe Vaccarone, addio fedelissimo cuore azzurro

Non ce l’ha fatta Beppe Vaccarone. Si è spento sabato mattina all’Ospedale Maggiore di Novara senza aver mai ripreso conoscenza dopo il malore che l’aveva colpito nel primo pomeriggio di martedì 20 febbraio. Le sue condizioni erano apparse da subito molto gravi e hanno via via fiaccato le speranze della moglie Daniela e dei tanti amici che gli sono stati vicini fino all’ultimo.

Calcio, hockey, baseball

Nato a Casale Monferrato, avrebbe compiuto 72 anni il prossimo 10 ottobre. In città era molto conosciuto per la sua passione sportiva che l’aveva portato a seguire per diverse testate, locali e quale corrispondente di “Tuttosport”, gli sport che più amava. Il calcio innanzitutto, ma anche l’hockey, il baseball ed altre discipline che aveva raccontato in età giovanile per il “Corriere di Novara”. Oltre che giornalista della carta stampata, era stato attivo nell’emittenza radio-televisiva nei primi anni delle “private”. Aveva pubblicato dei libri sulle storiche realtà sportive novaresi ed anche una raccolta di racconti dedicati alla madre malata di Alzheimer. Vastissima la sua collezione di cimeli legati a squadre calcistiche, sconfinato il suo archivio fotografico dedicato al Novara Calcio che aveva accompagnato per quasi trent’anni anche alla guida del “Fedelissimo”.

Leggi anche:  Bambini, come portarli in moto in tutta sicurezza

Tanti messaggi di cordoglio

Tra i numerosi messaggi pubblicati in rete dopo la notizia della sua morte spiccano quelli di alcuni giocatori azzurri che lo ricordano con affetto, tra questi Scienza, Tacca, Bini, Vitalone, Saviozzi, Brizzi, Ciuffetelli e Pinamonte. Alla moglie Daniela le più vive condoglianze da parte di tutta la redazione del “Corriere”.

Massimo Barbero