Bandiere Blu a Cannobio, Cannero e Arona. Prima volta per la cittadina guidata dal sindaco Alberto Gusmeroli che dice: “La città da oggi è ufficialmente sinonimo anche di turismo sostenibile”.

Bandiere Blu sul lago Maggiore

A Cannobio, Cannero Riviera e Arona la Bandiera Blu 2018. In questi giorni a Roma 175 Comuni e 70 approdi turistici italiani sono stati insigniti del riconoscimento della Foundation for Environmental Education (in totale 368 le località premiate). Tra questi per la tredicesima volta il Comune di Cannobio, una conferma per Cannero Riviera e, per la prima volta, Arona. “Una soddisfazione per la quale va dato atto all’impegno di tutta la comunità, dagli operatori turistici, ai responsabili dei servizi, alle scuole. Solo un grande lavoro di squadra permette di ottenere questa attestazione che premia le nostre spiagge per qualità, sostenibilità ambientale e servizi” ha detto il sindaco di Cannobio Giandomenico Albertella.

Prima volta per Arona

Arona si è guadagnata il premio per la spiaggia delle Rocchette. Una novità che riempie di orgoglio il sindaco aronese Alberto Gusmeroli, a Roma insieme al vicesindaco Federico Monti e all’assessore al Turismo Chiara Autunno. “La nostra prima Bandiera Blu per la spiaggia delle Rocchette e per tutte le iniziative in campo ambientale messe in atto in questi otto anni di governo cittadino – dice Gusmeroli – La città da oggi è ufficialmente sinonimo anche di turismo sostenibile”. Il Comune desiderava il vessillo blu e ha fatto di tutto per ottenerlo. “La certificazione internazionale ripaga le scelte fatte dall’Amministrazione, dimostrando di aver messo in atto negli anni tutta una serie di buone pratiche ambientali”.

Leggi anche:  Case popolari, inaugurate le nuove palazzine Atc ad Arona

Premiata la spiaggia delle Rocchette e le buone pratiche ambientali messe in atto dal Comune

Tra queste in particolare “l’allacciamento alla rete fognaria di oltre 300 famiglie, gli interventi sugli scarichi del Torrente Vevera e del Rio Arlasca attualmente in corso, il rifacimento di tutte le condutture di scarico del lungolago Marconi, la pedonalizzazione di buona parte del centro cittadino, l’estensione delle piste ciclabili in città. Nel 2017 è stato introdotto il sacco conforme che ha portato a superare la soglia del 75% di raccolta di rifiuti differenziati. Sono stati anche introdotti contributi per la rimozione di coperture in amianto dagli edifici e sono state organizzate iniziative per la sensibilizzazione dei cittadini e dei giovani”.

Maria Nausica Bucci