NOVARA – L’allerta meteo era scattata in particolare per la giornata di giovedì 1° marzo, preannunciando l’arrivo del fenomeno ribattezzato  “Big snow”, la grande nevicata (minacciosamente a braccetto con l’ondata di gelo “Burian”) che ha messo in crisi mezza Italia. Al Nord, a Novara almeno, la neve è invece scesa più abbondante e fitta sabato 3 marzo, per tutta la mattina. A farne le spese, in particolare, sono stati gli ambulanti e i frequentatori della fiera di marzo, allestita in centro città sabato e ieri, domenica. 
Sabato ha destato qualche polemica da parte degli utenti anche la chiusura al pubblico, non preannunciata, del cimitero urbano. Una decisione presa in tarda mattinata.
L’assessore comunale ai Servizi cimiteriali Simona Bezzi ha spiegato che «data la nevicata che dalla mattinata ha ammantato la città, il funzionario in servizio al cimitero ha valutato la situazione e ha autonomamente deciso di evitare che si potesse accedere all’interno del camposanto. Il provvedimento è stato adottato a tutela dell’utenza che, come noto, è nella maggior parte dei casi rappresentata da persone anziane. Data la presenza di neve lungo i vialetti, purtroppo non sgomberabile a causa della mancanza del personale del servizio temporaneamente dirottato presso i seggi elettorali, non era infatti possibile garantire sicurezza e incolumità per quanti si sarebbero recati a trovare i propri defunti». Il cimitero ha riaperto regolarmente nella giornata di ieri, domenica.
Qualche disagio a parte, la coltre bianca ha regalato un certo fascino alla città. Suggestioni che i novaresi hanno colto dal vivo e pubblicando sui social moltissimi scatti di angoli cittadini innevati.
ari.mar.

Leggi anche:  Tornati in diocesi gli angeli rubati

NOVARA – L’allerta meteo era scattata in particolare per la giornata di giovedì 1° marzo, preannunciando l’arrivo del fenomeno ribattezzato  “Big snow”, la grande nevicata (minacciosamente a braccetto con l’ondata di gelo “Burian”) che ha messo in crisi mezza Italia. Al Nord, a Novara almeno, la neve è invece scesa più abbondante e fitta sabato 3 marzo, per tutta la mattina. A farne le spese, in particolare, sono stati gli ambulanti e i frequentatori della fiera di marzo, allestita in centro città sabato e ieri, domenica. 
Sabato ha destato qualche polemica da parte degli utenti anche la chiusura al pubblico, non preannunciata, del cimitero urbano. Una decisione presa in tarda mattinata.
L’assessore comunale ai Servizi cimiteriali Simona Bezzi ha spiegato che «data la nevicata che dalla mattinata ha ammantato la città, il funzionario in servizio al cimitero ha valutato la situazione e ha autonomamente deciso di evitare che si potesse accedere all’interno del camposanto. Il provvedimento è stato adottato a tutela dell’utenza che, come noto, è nella maggior parte dei casi rappresentata da persone anziane. Data la presenza di neve lungo i vialetti, purtroppo non sgomberabile a causa della mancanza del personale del servizio temporaneamente dirottato presso i seggi elettorali, non era infatti possibile garantire sicurezza e incolumità per quanti si sarebbero recati a trovare i propri defunti». Il cimitero ha riaperto regolarmente nella giornata di ieri, domenica.
Qualche disagio a parte, la coltre bianca ha regalato un certo fascino alla città. Suggestioni che i novaresi hanno colto dal vivo e pubblicando sui social moltissimi scatti di angoli cittadini innevati.
ari.mar.