OLEGGIO – Dopo 30 anni, l’Omar torna ad Oleggio. E si preannuncia un ritorno in grande stile. I lavori a Villa Troillet – che fine allo scorso anno scolastico aveva ospitato (per una ventina d’anni i corsi professionali dell’Enaip) – sono già pronti per prendere il via e per settembre l’istituto superiore novarese sarà pronto ad accogliere i suoi nuovi studenti.  In quella che, tiene a sottolineare il dirigente scolastico Franco Ticozzi, «non sarà una sede distaccata o una dependance. Apriremo con tre prime e contiamo, nel giro di qualche anno, di arrivare a portare qui circa 300 studenti: un polo scolastico vero e proprio, che potrà interagire con le scuole medie del territorio».
L’idea di riportare a Oleggio un istituto superiore è stata fortemente voluta dal sindaco Massimo Marcassa, che ha fin da subito trovato l’appoggio della Provincia. «Stiamo parlando – dice Marcassa – di un bacino d’utenza che va da Castelletto Ticino fino a Bellinzago, magari spingendosi fino in Lombardia: oltre 40.000 persone che da settembre avranno un’opportunità in più». E il presidente della Provincia Matteo Besozzi, che è anche sindaco di Castelletto Ticino, ha deciso di non lasciarsi sfuggire questa opportunità. «Fin dall’inizio siamo stati favorevoli alla proposta del sindaco Marcassa e faremo la nostra parte, cercando di sostenerla in tutto. Sperando che il Governo conceda alle Province le risorse necessarie per gestire al meglio l’edilizia scolastica».
Laura Cavalli

Leggi di più sul Corriere di Novara in edicola

OLEGGIO – Dopo 30 anni, l’Omar torna ad Oleggio. E si preannuncia un ritorno in grande stile. I lavori a Villa Troillet – che fine allo scorso anno scolastico aveva ospitato (per una ventina d’anni i corsi professionali dell’Enaip) – sono già pronti per prendere il via e per settembre l’istituto superiore novarese sarà pronto ad accogliere i suoi nuovi studenti.  In quella che, tiene a sottolineare il dirigente scolastico Franco Ticozzi, «non sarà una sede distaccata o una dependance. Apriremo con tre prime e contiamo, nel giro di qualche anno, di arrivare a portare qui circa 300 studenti: un polo scolastico vero e proprio, che potrà interagire con le scuole medie del territorio».
L’idea di riportare a Oleggio un istituto superiore è stata fortemente voluta dal sindaco Massimo Marcassa, che ha fin da subito trovato l’appoggio della Provincia. «Stiamo parlando – dice Marcassa – di un bacino d’utenza che va da Castelletto Ticino fino a Bellinzago, magari spingendosi fino in Lombardia: oltre 40.000 persone che da settembre avranno un’opportunità in più». E il presidente della Provincia Matteo Besozzi, che è anche sindaco di Castelletto Ticino, ha deciso di non lasciarsi sfuggire questa opportunità. «Fin dall’inizio siamo stati favorevoli alla proposta del sindaco Marcassa e faremo la nostra parte, cercando di sostenerla in tutto. Sperando che il Governo conceda alle Province le risorse necessarie per gestire al meglio l’edilizia scolastica».
Laura Cavalli

Leggi anche:  Dimidimitri, il presidente Alessio Ricci in scena all'Arena di Verona

Leggi di più sul Corriere di Novara in edicola