NOVARA – Ricomincia domani, domenica 14 gennaio il campionato di serie B con grosse novità per il Probiotical Rugby Novara. La squadra infatti ha cambiato coach: ad allenare i ragazzi non è più Gica Vacaru ma Massimo Castagnetti. Un allontanamento, quello di Vacaru, determinato sia da una sua volontà personale sia da divergenze tecniche, come ci ha spiegato il presidente dell’Amatori Rocco Zoccali: “Io avevo in mente questo cambio già da Piacenza. Dopo le prime due vittorie, abbiamo retto per altre 4 o 5 partite per poi perdere disastrosamente su alcuni campi. Abbiamo un gruppo validissimo in cui credo molto, che è ripartito con entusiasmo, e che secondo me vale una posizione centrale o anche alta in classifica. I ragazzi con il nuovo allenatore stanno lavorando molto bene. Stiamo recuperando o recupereremo a breve anche ragazzi che hanno subito infortuni, come Nani Loretti, uno dei nostri migliori giocatori. Stiamo valutando eventuali nuovi inserimenti, non lasciamo nulla di intentato”.

La squadra ha risposto molto bene al cambio di allenatore – ci ha detto poi il nuovo coach Massimo Castagnetti – è sempre un po’ tragico questo tipo di passaggio a metà campionato ma hanno risposto tutti in modo molto positivo, le presenze agli allenamenti sono aumentate. Stiamo lavorando molto sulla testa perchè dopo aver stravinto lo scorso campionato, i ragazzi hanno subito una serie di sconfitte che ha fatto abbassare loro il morale. Lo staff crede tuttavia che contro il Lumezzane (la partita si svolgerà in trasferta al campo Giulio e Silvio Pagani a Rovato, Brescia, con inizio alle 14.30, ndr) si può anche portare a casa una vittoria: giochiamo alla pari, sarà fondamentale l’approccio iniziale, si deve subito imporre il nostro gioco”. Castagnetti era già da tempo attivo all’interno dell’Amatori Rugby Novara, nel settore giovanile. Nel suo passato da giocatore ha ricoperto vari ruoli dei tre quarti, per dieci anni a Novara e per 5 anni nei Lions di Piacenza. “Da quello che abbiamo visto agli allenamenti – continua il coach – le sensazioni sono molto positive. Oltre che sul lato psicologico, stiamo lavorando ovviamente per migliorare la parte tecnica, soprattutto in alcuni settori come l’attacco, i punti d’incontro e le rimesse laterali. Abbiamo una mischia molto forte ma non si può puntare tutto su quello, si deve privilegiare maggiormente il gioco al largo e raddrizzare la corsa, con una visione di gioco più completa. Visione che io e i miei due collaboratori, Gianni Amore e Marcello Cuttitta, condividiamo come condividiamo la convinzione di lavorare con un gruppo compatto, con una buona struttura fisica e che può sicuramente riuscire ad imporsi”.

Valentina Sarmenghi 


 

Leggi anche:  Museo del calcio, la mostra itinerante a dicembre a Novara

NOVARA – Ricomincia domani, domenica 14 gennaio il campionato di serie B con grosse novità per il Probiotical Rugby Novara. La squadra infatti ha cambiato coach: ad allenare i ragazzi non è più Gica Vacaru ma Massimo Castagnetti. Un allontanamento, quello di Vacaru, determinato sia da una sua volontà personale sia da divergenze tecniche, come ci ha spiegato il presidente dell’Amatori Rocco Zoccali: “Io avevo in mente questo cambio già da Piacenza. Dopo le prime due vittorie, abbiamo retto per altre 4 o 5 partite per poi perdere disastrosamente su alcuni campi. Abbiamo un gruppo validissimo in cui credo molto, che è ripartito con entusiasmo, e che secondo me vale una posizione centrale o anche alta in classifica. I ragazzi con il nuovo allenatore stanno lavorando molto bene. Stiamo recuperando o recupereremo a breve anche ragazzi che hanno subito infortuni, come Nani Loretti, uno dei nostri migliori giocatori. Stiamo valutando eventuali nuovi inserimenti, non lasciamo nulla di intentato”.

La squadra ha risposto molto bene al cambio di allenatore – ci ha detto poi il nuovo coach Massimo Castagnetti – è sempre un po’ tragico questo tipo di passaggio a metà campionato ma hanno risposto tutti in modo molto positivo, le presenze agli allenamenti sono aumentate. Stiamo lavorando molto sulla testa perchè dopo aver stravinto lo scorso campionato, i ragazzi hanno subito una serie di sconfitte che ha fatto abbassare loro il morale. Lo staff crede tuttavia che contro il Lumezzane (la partita si svolgerà in trasferta al campo Giulio e Silvio Pagani a Rovato, Brescia, con inizio alle 14.30, ndr) si può anche portare a casa una vittoria: giochiamo alla pari, sarà fondamentale l’approccio iniziale, si deve subito imporre il nostro gioco”. Castagnetti era già da tempo attivo all’interno dell’Amatori Rugby Novara, nel settore giovanile. Nel suo passato da giocatore ha ricoperto vari ruoli dei tre quarti, per dieci anni a Novara e per 5 anni nei Lions di Piacenza. “Da quello che abbiamo visto agli allenamenti – continua il coach – le sensazioni sono molto positive. Oltre che sul lato psicologico, stiamo lavorando ovviamente per migliorare la parte tecnica, soprattutto in alcuni settori come l’attacco, i punti d’incontro e le rimesse laterali. Abbiamo una mischia molto forte ma non si può puntare tutto su quello, si deve privilegiare maggiormente il gioco al largo e raddrizzare la corsa, con una visione di gioco più completa. Visione che io e i miei due collaboratori, Gianni Amore e Marcello Cuttitta, condividiamo come condividiamo la convinzione di lavorare con un gruppo compatto, con una buona struttura fisica e che può sicuramente riuscire ad imporsi”.

Valentina Sarmenghi