Gli azzurri pareggiano una gara a lungo dominata recriminando per un palo e un rigore netto non concesso

 

Il Novara calcio si riscatta dopo il tracollo con la Ternana ed esce dal campo di Bari con uno 1-1 che se per la classifica è linfa vitale, lascia l’amaro in bocca per come si è svolta la gara. La reazione degli azzurri alla gara interna contro gli Umbri, giocata con poco mordente tanto da suscitare l’uscita del presidente De Salvo con la frase «Chi non se la sente stia fuori», c’è stata. In Puglia tutti i giocatori schierati da mister Di Carlo se la sono «sentita». La squadra fin dai primi minuti ha messo in mostra grinta e qualità, andando a fare un pressing alto e ripartendo in più di un’occasione. Una condotta di gioco che ha permesso agli azzurri di dominare il primo tempo, creando varie occasioni da rete e colpendo un palo con Puscas. Quando sembrava che ancora una volta la supremazia offensiva rimanesse sterile, al 45’ arrivava il gol di Puscas bravo a ricevere da Calderoni, controllare e “sparare” un tiro imprendibile sotto la traversa.

 Un 1-1 prezioso ma il mani di Floro Flores in area barese è di quelli che pesano

Nella ripresa i padroni di casa mettevano in campo i “gioielli” Brienza e Floro Flores e proprio loro due confezionavano il pareggio. Al 17’ punizione di Brienza e testa dell’attaccante per l’1-1. Incassata la rete del pari il Novara calcio non demordeva e anzi riprendeva a creare gioco e azioni. Il Bari era però meno arrendevole del primo tempo e gli azzurri dovevano anche coprirsi riuscendo però, rispetto ad altre volte, a resistere anche in fase difensiva. L’episodio che avrebbe potuto cambiare le sorti della gara e che a fine partita ha visto per la prima volta mister Di Carlo furibondo, arriva al 45’. Su un calcio d’angolo Floro Flores salta in alto e con un gesto da pallavolista degno del miglior Zaytsev colpisce nettamente con un mano il pallone deviandolo. Per l’arbitro Marini e per il guardialinee è tutto regolare. I replay televisivi però non lasciano dubbi.

Leggi anche:  Piccinini sarà ancora capitana della Igor Volley

Ora gli azzurri dovranno dimostrare lo stessa carattere sabato in casa contro il Venezia

m.d.